Contenuto riservato agli abbonati

Il genero: «Non ho ucciso io mia suocera»

Stefano Saccani

Ma Enrico Zenatti rimane in carcere: convalidato l’arresto. Alla vittima è stata tagliata la giugulare. Ieri l’autopsia

ROVERBELLA. Convalidato ieri mattina l’arresto di Enrico Zenatti, il commerciante 54enne, accusato d’aver ucciso la suocera Anna Turina, di 73 anni nella sua abitazione di Malavicina. Nel corso dell’interrogatorio di garanzia il presunto omicida ha negato ogni coinvolgimento.

«Non sono stato io» avrebbe detto davanti al giudice Beatrice Bergamasco, al pubblico ministero Fabrizio Celenza e all’avvocato difensore Silvia Salvato.

Dal punto di vista delle indagini una sola certezza: la morte della pensionata sarebbe stata provocata da un taglio netto al collo, causato da un oggetto affilato che le ha tranciato la carotide.

Video del giorno

La festa in centro a Mantova per lo scudetto del Milan

La guida allo shopping del Gruppo Gedi