Era in quarantena, ma lavorava, denunciato dalla Polizia locale di Viadana

Nervi tesi sui controlli Covid: il Pd striglia l’amministrazione. «Consigliere di maggioranza ha irriso pubblicamente il lavoro delle forze dell’ordine»

VIADANA. Quello dei controlli sul rispetto delle misure anti Covid è uno dei temi caldi del momento. E mentre Polizia locale (che ha trovato un cittadino positivo al coronavirus sul posto di lavoro) e Carabinieri intensificano l’attività di monitoraggio, il Pd invita amministrazione comunale e maggioranza a ribadire pubblicamente il massimo sostegno a tale azione. A provocare l’intervento del circolo Dem è un post comparso nei giorni scorsi su un canale social. «Sabato 18 dicembre – afferma il Pd – un consigliere comunale di maggioranza del gruppo Lega, assessore nella passata giunta, con cui l’attuale si pone in continuità, ha condiviso un articolo, pubblicato da una testata giornalistica locale, che dava conto dell’attività di controllo anti Covid svolta sul territorio comunale dall’Arma dei Carabinieri, commentandolo in modo dispregiativo con le parole “Andate in fabbrica a lavorare che cercano!”». Il post è stato successivamente cancellato dall’autore, ma i militanti Pd hanno fatto in tempo a salvarne uno screenshot. Il consigliere comunale Adriano Saccani (gruppo Uniti per Viadana) presenterà una mozione sul tema. «I Carabinieri e le altre forze dell’ordine – spiega Saccani – svolgono da mesi un lavoro costante, volto a garantire la salute e la sicurezza dei cittadini. Uno sforzo che dovrebbe essere riconosciuto da tutti: chiedo pertanto che il consiglio comunale all’unanimità, assieme a sindaco e giunta, si pronunci ufficialmente per sostenere senza il minimo dubbio le attività di monitoraggio anti Covid, prendendo le distanze e condannando in modo netto certi commenti denigratori, che non rappresentano assolutamente il sentimento della comunità viadanese sull’argomento». Nell’ambito delle attività di controllo, la Polizia locale ha intanto denunciato un cittadino viadanese. Nel corso di un accertamento svolto sabato 18, incrociandone le risultanze coi tabulati a loro disposizione, gli agenti hanno riscontrato che il cittadino in questione si trovava sul posto di lavoro, tra l’altro senza indossare la mascherina, nonostante fosse soggetto a quarantena obbligatoria in quanto risultato positivo al Covid lunedì 13. Per evitare contatti anche incidentali con altre persone, l’uomo è stato scortato dalla Polizia locale sin sotto casa, e poi deferito all’autorità giudiziaria. Si tratta dell’unica violazione riscontrata nelle ultime settimane, su decine di luoghi di lavoro e centinaia di viadanesi controllati. Il monitoraggio proseguirà a campione anche nei prossimi giorni.

2

Articoli rimanenti

Accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

1€/mese per 3 mesi, poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Sblocca l’accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

Video del giorno

L'inaugurazione della Casa di Comunità di Goito con Fontana e Moratti

La guida allo shopping del Gruppo Gedi