In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni
MANTOVA

La gestione della pandemia, il Pd contesta Fontana: «Meriti? Ancora falle»

A Fabio Pizzul sono andate di traverso le lodi di Attilio Fontana, che durante il brindisi natalizio con la stampa aveva rivendicato i meriti della sua giunta nella gestione della pandemia.

1 minuto di lettura
(ansa)

MILANO. «Ma le ha viste, il presidente, le code di due ore al freddo che tanti anziani e tanti minori devono fare per avere un test antigenico? Dov’è l’eccellenza della Regione Lombardia?». A domandarselo è il capogruppo del Pd in consiglio regionale, Fabio Pizzul, al quale sono andate di traverso le lodi di Attilio Fontana, che durante il brindisi natalizio con la stampa aveva rivendicato i meriti della sua giunta nella gestione della pandemia.

«Ancora una volta il presidente Fontana tenta di riabilitare la sua amministrazione, attribuendo alla malasorte e alla malevolenza altrui tutti i problemi di gestione della pandemia – attacca Pizzul – ma basta avere bisogno di un tampone in queste ore per rendersi conto che le falle organizzative non sono affatto superate».

«Il piano vaccinale è quello del generale Figliuolo, prima c’era la piattaforma di prenotazione tutta lombarda che ha fatto parlare di sé, non certo bene, in tutta Italia – aggiunge il capogruppo del Pd – E, una volta arrivata la necessità di fare la terza dose, è stata una corsa a rimettere in piedi i centri vaccinali, che nel frattempo erano stati smontati. Ora dobbiamo essere tutti concentrati sulla vaccinazione booster e dei bambini, ma che Fontana e la sua giunta si profumino d’incenso quando dovrebbero cospargersi il capo di cenere è davvero troppo».

I commenti dei lettori