Dona la casa dei nonni alla Rsa: servirà ad accogliere anziani

Silvia Maccari abita a Firenze ma ha origini mantovane Il bene dato alla Rsa Scarpari si trova a Quingentole: sarà alloggio protetto con una sala polivalente

QUINGENTOLE. Una donna di origine mantovana ha donato un immobile alla fondazione Scarpari Forattini che gestisce la casa di riposo di Schivenoglia. Lo stabile, in centro a Quingentole, ospiterà alloggi protetti per anziani.

Pochi giorni fa il presidente della fondazione Gianfranco Caleffi ha sottoscritto l’atto di accettazione della donazione di Silvia Maccari, originaria di Mantova e ora residente a Firenze. «Abbiamo contattato la signora Maccari per capire da lei stessa lo spirito di questa donazione» spiegano dalla Scarpari Forattini.

«È la casa dei miei nonni paterni– racconta la Maccari –. Io non ho mai vissuto a Quingentole ma lì conservo tutti i miei ricordi e i legami con il territorio e le tradizioni mantovane. Volevo quindi che la casa, disabitata ormai da anni e resa inagibile dal terremoto, fosse destinata a ospitare persone in difficoltà. Mi sono rivolta a diverse Fondazioni, ma senza successo. Ho infine scritto alla Fondazione Giulio Romano di Mantova, mia città natale. Il presidente Corbellani ha cortesemente creato un contatto con la Scarpari Forattini. Per sei lunghi mesi abbiamo affrontato insieme gli aspetti legali e contrattuali circa la destinazione d’uso dell’immobile. Finalmente il 9 dicembre, anniversario della nascita di mio padre, ci siamo trovati davanti al notaio. E per me è stata una fortissima emozione e la fine di un lungo viaggio, cominciato 120 anni fa».

L’immobile è costituito da tre unità abitative, due negozi e due autorimesse, insistente su un’area complessiva di 617 metri quadri.

«Nel rispetto degli scopi statutari di Fondazione e della volontà della signora Maccari –dice il presidente Caleffi – l’ipotesi più probabile potrebbe essere la realizzazione di un alloggio protetto per anziani con una sala polivalente per attività comunitarie e alcuni ambulatori, ma avremo le idee più chiare nei primi mesi del 2022, quando con i nostri tecnici inizieremo a lavorare sul progetto. Una cosa, intanto, è certa: in segno di gratitudine verso la signora Maccari, verrà affissa una targa in memoria dei suoi genitori Francesca Mattei e Carlo Maccari».

2

Articoli rimanenti

Accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

1€/mese per 3 mesi, poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Sblocca l’accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

Video del giorno

Il mantovano Affini dopo la prima parte del Giro d'Italia: «E manca la parte più tosta»

La guida allo shopping del Gruppo Gedi