Da primario a medico di base: «Si è più vicini ai pazienti»

Carlo Messora ha lasciato la carriera ospedaliera, oggi è a San Benedetto Po. «Scelgo la medicina territoriale. È un impegno gravoso, ma mi soddisfa»

SAN BENEDETTO PO. Ha appeso il camice al chiodo, ma non per smettere di fare il medico. Da primario ospedaliero ha scelto, a 58 anni d’età, di fare un’esperienza diversa. Assumendo, da qualche giorno, il ruolo di medico di base a San Benedetto Po.

Un percorso inverso rispetto a quello di tanti colleghi che lasciano la medicina territoriale per ambire a specialità ospedaliere. Ma Carlo Messora non è pentito. «Perché l’ho fatto? Tanta incoscienza - dice con una battuta l’ex primario del pronto soccorso di Pieve di Coriano - se ho scelto di diventare un medico territoriale alla soglia dei 59 anni».

La scelta, al di là delle battute, è stata ponderata per un professionista che ha rivestito ruoli di responsabilità apicale nel delicato settore dell’emergenza e urgenza. «Io amo l’ospedale, è stata la mia vita - prosegue il medico - ma arrivato ad un certo punto della professione, ho sentito la necessità di dare una svolta. Nel settore dell’emergenza e urgenza si è sempre sotto pressione. Non puoi permetterti tempi di recupero. Sei in prima linea, in trincea. Ho voluto cambiare».

La scelta è caduta sulla medicina del territorio. «È un lavoro pesantissimo. Chi non lo conosce non può rendersene conto, ma si riesce a gestire meglio i tempi. Soprattutto i contatti umani. Al Pronto soccorso è una specie di mordi e fuggi. Generalmente il paziente lo vedi una volta sola nella vita. Il contatto è di tipo adrenalinico. Nella medicina territoriale l’assistito lo vedi, lo curi, lo accompagni. È tutto un altro tipo di rapporto».

Il primo impatto, racconta il medico, non è stato leggero. «Ho pensato di disdire la mia disponibilità - dice ancora con una battuta -. Ma bastano pochi giorni per capire come funziona, cosa serve. Sono già soddisfatto».

D’altronde l’esperienza accumulata è notevole e fatta in una carriera di alto profilo. Come conferma anche il sindaco di San Benedetto, veterinario, che non risparmia giudizi lusinghieri. «Abbiamo avuto anche noi degli abbandoni di medici - spiega Roberto Lasagna - ma, senza togliere nulla ai colleghi, sicuramente con Messora abbiamo un valore aggiunto. Perché si è messo in gioco e per la grande disponibilità che ha mostrato nello svolgere servizio anche nella frazione di Mirasole».

Ma se il benvenuto del sindaco può suonare carico di riconoscimento, sicuramente i criteri di graduatoria raccontano oggettivamente la situazione. «L’Ats ogni anno apre un bando per chi ha l’abilitazione alla professione precedente al ’94. La mia è dell’89. Con oltre 30 anni di lavoro - conclude Messora - si riconosce che non c’è bisogno di fare i 3 anni di specializzazione specifica».

2

Articoli rimanenti

Accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

1€/mese per 3 mesi, poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Sblocca l’accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

Video del giorno

Il matrimonio di Paola Turci e Francesca Pascale: l'arrivo a Montalcino

La guida allo shopping del Gruppo Gedi