Mantova, commissione d’inchiesta sul deragliamento del treno

Da martedì 11 gennaio ripartono i treni sulla linea per Parma, ma andranno a 10 chilometri all’ora nel tratto in cui c’è stato il deragliamento

SUZZARA. La tratta danneggiata dal deragliamento del vagone avvenuto nel tardo pomeriggio di venerdì scorso,7 gennaio,  è stata riparata e già dalla mattina dell’11 gennaio alle 6.13, dalla stazione di Suzzara, parte il primo treno dopo tre giorni di stop per Parma.

I tecnici di Fer hanno lavorato per tutta la giornata di lunedì 10  e fino a tarda notte. Il binario spezzato dalla ruota del vagone deragliato è stato saldato. «Essendo costituito di un materiale rigido - fanno sapere dalla Fer – il binario ha subìto un forte colpo dalla ruota del vagone e si è rotto».

Sono stati sostituti, nel punto dell’incidente, circa sei metri di binario. Su un lato della massicciata sono state portate anche numerose traversine che andranno a sostituire quelle danneggiate.

Tuttavia la Fer, per stabilire esattamente responsabilità e cause, ha nominato una commissione d’inchiesta. Dopo il deragliamento del vagone carico di coil sono state fatte diverse ipotesi: da un lato la Dinazzano Po, la società che si occupa del trasporto merci sostiene che ci sia stato un cedimento della massicciata, mentre la Fer sostiene che la tratta ferroviaria non presentava alcun problema.

La commissione d’inchiesta impiegherà qualche giorno per verificare l’accaduto e si esprimerà di conseguenza.

Intanto i tecnici della Fer hanno istituito un sistema di riduzione della velocità che parte dalla curva all’altezza di via General Cantore, dove il vagone ha iniziato a deragliare, fino al punto in cui il macchinista ha fermato il convoglio di 22 vagoni carichi di coil destinati alla Padana Tubi di Guastalla.In sostanza la direzione Fer ha deciso, pur di far viaggiare i treni passeggeri e merci, di istituire un limite di velocità di 10 chilometri all’ora sia per i treni in partenza da Suzzara che per quelli che arrivano da Parma.

I lavori non sono ancora terminati del tutto. È in programma, da parte di Fer, la realizzazione di un cantiere perché parte della tratta Suzzara-Parma verrà riqualificata con nuovi “armamenti” come si dice in gergo tecnico, vale a dire nuovi binari e traversine. Il cantiere dovrebbe partire verso la fine di gennaio, al massimo ai primi di febbraio. I tecnici lavoreranno in esercizio: durante il giorno i treni viaggeranno regolarmente mentre di notte verranno effettuati gli opportuni lavori sulla linea. Allineamento e livellamento dei binari, rincalzatura e profilatura della massicciata e stabilizzazione dei binari sono operazioni di vitale importanza per garantire la sicurezzadel trasporto ferroviario.

Per la Fer l’obiettivo principale delle attività che rientrano nel processo di manutenzione è quello di mantenere in efficienza l’infrastruttura ferroviaria, assicurando i massimi standard di qualità, sicurezza e affidabilità, garantendo la compatibilità dei costi di manutenzione con il quadro dei costi di gestione aziendale. 

2

Articoli rimanenti

Accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

1€/mese per 3 mesi, poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Sblocca l’accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

Video del giorno

L’inaugurazione della Casa di Comunità di Goito con Fontana e Moratti

La guida allo shopping del Gruppo Gedi