Ditta a corto di personale: a Poggio Rusco i festoni natalizi restano ancora accesi

Le decorazioni sotto i portici non potranno essere rimosse ancora per qualche giorno a causa dei tanti casi di Covid tra le maestranze

POGGIO RUSCO  A Poggio Rusco il Natale non è finito: i festoni natalizi sotto i portici resteranno accesi ancora per alcuni giorni. La ditta che li ha installati e che si occuperà dello smontaggio è a corto di personale.

I festoni con le illuminazioni dovrebbero essere comunque smontati nel giro di qualche giorno. Mentre, per quanto riguarda le luminarie lungo le vie e quelle sulla Torre Falconiera, si è riusciti a spegnerle e non sono più attive. Anche queste saranno smontate solo prossimamente.

In questo caso è stato possibile disattivare l’illuminazione, in attesa della rimozione, in quanto l’impianto cui erano collegate era indipendente e facilmente isolabile. Per quanto riguarda invece quelle che adornano i portici, non è stato possibile disattivarle: sono collegate all’impianto dell’illuminazione pubblica dei portici stessi, si accendono quindi in concomitanza delle lampade e non è possibile scollegarle.

Va precisato che le luci di questi addobbi utilizzano tutte tecnologie a led di ultima generazione e i consumi sono molto contenuti.

La ditta incaricata si occuperà dello spegnimento e dello smontaggio dei festoni appena possibile. Attualmente non è ancora riuscita a farlo a causa della carenza di personale che si trova a dover affrontare.

La situazione della diffusione del contagio ha creato diverse difficoltà in molti settori. L’aumento di persone che risultano positive all’infezione, o i contatti stretti di persone positive che devono restare in quarantena hanno ridotto gli operatori a disposizione delle ditte. L’associazione commercianti, che si è occupata di addobbare i portici per il periodo delle festività, ha comunicato questo ritardo nella gestione, spiegandone i motivi.

Video del giorno

Elezione del presidente della Repubblica, seconda votazione a Montecitorio: la diretta

La guida allo shopping del Gruppo Gedi