Contenuto riservato agli abbonati

«Aviaria più aggressiva, ma per l’uomo i pericoli sono remoti»

«Non si vaccina per evitare di rendere endemica la malattia»

MANTOVA «L’aviaria è una malattia che colpisce gli uccelli. Ci sono stati casi sporadici di trasmissione all’uomo. Ma asintomatici. Teniamo costantemente monitorata la situazione». Calogero Terregino è il direttore dell’Istituto Zooprofilattico Sperimentale (Izs) delle Venezie, centro di riferimento nazionale per l’influenza aviaria. Sotto i suoi occhi passano i dati e le analisi della situazione europea.

Dottore, a che punto siamo con l’aviaria?

«L’ondata pandemica è in fase di calo.

Video del giorno

Dalla Germania a Mantova pedalando sulle velomobili

La guida allo shopping del Gruppo Gedi