Mantova, a Olmolungo un nuovo polo logistico da 50 milioni e 140 posti

Il referente della società Crosslog che ha gestito l’operazione: fondamentali le infrastrutture come la bretella. Ospiterà operatori alimentari, il primo comparto pronto entro l’anno. Al Comune 1,4 milioni di oneri

MANTOVA. Cinquanta milioni di investimento e dai 130 ai 140 posti di lavoro: la lottizzazione produttiva Olmolungo tra l’Ostigliese e l’autostrada del Brennero, a ridosso del porto fluviale di Valdaro, si appresta ad accogliere entro l’anno un nuovo polo della logistica alimentare.

Da quanto si apprende il Comune ha infatti rilasciato il fine istruttoria positivo che prelude al rilascio del permesso di costruire, per un nuovo insediamento nelle aree del piano Olmolungo. L’operazione fa capo alla società Crosslog che sviluppa progetti e aree per siti della logistica. E a confermare la notizia è il referente di Crosslog Romeo Mesiano: «Lavoriamo da mesi – dichiara – con il Comune e con tutti gli enti territoriali coinvolti per questo importante investimento nella città di Mantova che in pochi anni ha prodotto una grande accelerazione e realizzato infrastrutture fondamentali, come la bretella di Valdaro, attirando l’interesse di primari operatori della logistica. Abbiamo trovato in Comune a Mantova velocità e pragmatismo. Ciò che serve a chi come noi deve garantire ai clienti tempi certi nella realizzazione degli investimenti».

L’intervento, di quasi 50 milioni di euro, prevede la realizzazione di due comparti logistici, che saranno certificati Leed Gold, vale a dire la massima certificazione in materia ambientale e di efficienza energetica. Il primo comparto occuperà 63mila metri quadrati e sarà pronto già entro il 2022, il secondo, di circa 27mila metri quadrati, sarà realizzato nel 2023.

L’operazione, la cui riuscita ha richiesto un articolato lavoro tra la società, il Comune e gli altri enti coinvolti, in base a quanto è stato possibile sapere accoglierà nel nuovo comparto primari operatori della logistica alimentare e porterà un’offerta tra 130 e i 140 nuovi posti di lavoro già a partire dalla fine di quest’anno e a seguire nel corso del 2023.

La giunta ha di recente approvato la variante che accresce l’appetibilità dei terreni dell’area Olmolungo e il Comune di Mantova incasserà da questa operazione oneri pari a circa 1,4 milioni di euro.

2

Articoli rimanenti

Accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

1€/mese per 3 mesi, poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Sblocca l’accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

Video del giorno

Operazione bomba nel Po: il momento dell'esplosione

La guida allo shopping del Gruppo Gedi