Mantova, l’amministratore delegato Brandazza fa il punto: «Oggi Corneliani ha un Dna sano»

Le parole durante la visita alla casa di moda del ministro per lo Sviluppo economico Giorgetti

MANTOVA. «Il 23 marzo 2021 è giunta la svolta per Corneliani con l’annuncio della disponibilità ad investire da parte di un gruppo di investitori coordinati da Investcorp insieme al Mise / Invitalia –  dichiara Brandazza, amministratore delegato del gruppo – È passato quasi un anno da quel 23 marzo, e oggi con orgoglio, possiamo affermare che Corneliani ha un Dna sano, nonostante il percorso sia stato tortuoso, con vincoli operativi, di mercato e finanziari imposti dalla situazione concordataria e dalla pandemia».

Mantova: il ministro Giorgetti in visita alla Corneliani

Le parole arrivano durante la visita del ministro per lo Sviluppo economico Giancarlo Giorgetti a Mantova. E Brandazza prosegue così. «In questo periodo, tuttavia, abbiamo operato in piena autosufficienza finanziaria ottenendo performance del tutto in linea rispetto al piano di concordato. In questi mesi abbiamo messo a segno un primo convincente ritorno alla crescita sugli ordinativi della primavera estate 2022 in consegna in queste settimane».

E illustra quali saranno le prossime mosse: «La strategia è ovviamente quella di cavalcare il trend del mercato con la produzione di abbigliamento casual e di lavorare per tornare ad eccellere nelle aree dove il formale è ancora di grande importanza quali il capospalla, il su misura e la cerimonia. Abbiamo inoltre attivato, parallelamente, nuovi progetti in linea con le richieste dei consumi, come lo sviluppo della collezione circle, una capsule collection realizzata esclusivamente con materiali eco-sostenibili e stiamo implementando una serie di iniziative mirate a livello di marchio, prodotto, servizio e distribuzione, per tornare velocemente alla redditività e arrivare alla piena occupazione della capacità produttiva nella seconda metà del 2023».

L’amministratore delegato del gruppo conclude sottolineando quanto è stato realizzato. «È stato possibile fare questo cammino positivo solo grazie al contributo di tutte le risorse umane della società a tutti i livelli che hanno mostrato grande dedizione ed attaccamento all’azienda. Ci anima un grande senso di responsabilità verso tutti. In particolare, verso chi ci ha dato fiducia investendo nella società, dandoci la chance di riportare Corneliani al livello dove, secondo tutti noi, deve stare, nell’Olimpio dell’abbigliamento maschile di alta gamma».

2

Articoli rimanenti

Accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

1€/mese per 3 mesi, poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Sblocca l’accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

Video del giorno

Ecco chi sono i 7 mantovani eletti in Parlamento

La guida allo shopping del Gruppo Gedi