Contenuto riservato agli abbonati

A Mantova caos test rapidi in farmacia: c’è chi li ha dovuti pagare

Con il documento dell’Ats sono gratuiti, ma a qualcuno sono stati chiesti 15 euro. Federfarma: «Ne ha diritto solo chi mostra la corretta documentazione sanitaria»

MANTOVA. Test rapidi gratuiti fatti pagare nelle farmacie? Nelle ultime ore sono arrivate alcune segnalazioni da parte di persone che si sono recate nelle farmacie mantovane per eseguire (su di sé o sui figli) i tamponi antigentici rapidi di sorveglianza per inizio o fine quarantena.

La regola, stando anche a quanto pubblicato sul sito di Ats Val Padana, che è intervenuta con una precisazione, è chiara: «In coerenza con le indicazioni regionali in merito alla gestione dell’attività diagnostica Covid-19 nel setting scuola, si ricorda che il requisito necessario per accedere alla prestazione del tampone nelle farmacie aderenti (a carico del sistema sanitario Regionale, senza costi per il cittadino), è presentare la stampa della comunicazione di isolamento/quarantena nominale inviata da Ats oppure il modulo...

Video del giorno

Milano, il cane fiuta-soldi porta i finanzieri in bagno: sotto il lavandino le mazzette di denaro

La guida allo shopping del Gruppo Gedi