Contenuto riservato agli abbonati

Per i tamponi lunghe attese nelle farmacie del Mantovano: «Siamo subissati di lavoro»

Genitori esasperati per le code: «Abbiamo aspettato fuori anche se avevamo prenotato». La replica: «La domenica le richieste sono tantissime»

MANTOVA. Cresce il disagio per chi deve sottoporsi a tamponi nelle farmacie. L’aumento del numero dei casi positivi, ed esponenzialmente anche dei contatti diretti, sta mettendo sotto pressione personale e strutture, impegnati in questi giorni a mille per far fronte al balzo delle richieste.

In particolare, sono i più giovani che affollano le farmacie perché, se c’è un caso di positività in una classe, tutti gli alunni devono sottoporsi a tampone per poter rientrare a scuola.

Video del giorno

L’inaugurazione della Casa di Comunità di Goito con Fontana e Moratti

La guida allo shopping del Gruppo Gedi