Mantova, controlli dei green pass per barbieri, parrucchieri ed estetisti: attività del centro multata di mille euro

Della ventina di esercizi controllati solo in un caso è stata opposta resistenza e non è stato possibile verificare il possesso del certificato verde

MANTOVA. Dal 20 gennaio è entrato in vigore l’obbligo del green pass anche per barbieri, parrucchieri e estetisti. La Polizia locale, attraverso l’unità specialistica di Polizia amministrativa, si è immediatamente attivata, prima con un’opera di informazione e sensibilizzazione per poi passare alla fase di controllo.

Sono 21 le attività di barbieri, parrucchieri e estetisti controllati.

Proprio uno di questi, con attività in centro storico, la settimana scorsa, durante i controlli, ha manifestato resistenza all’adeguamento alle nuove disposizioni. E nonostante i toni garbati degli agenti intervenuti, «ha rifiutato di esibire il green pass (probabilmente perché sprovvisto), ritenendo la norma anticostituzionale, non giusta e di non essere tenuto ad averlo, né ad esibirlo», scrive in una nota la Polizia locale.

A quel punto agli agenti, che tra l’altro hanno riscontrato anche che utilizzava mascherine non del tipo Ffp2, così come imposto dalle linee guida previste dal ministero della Salute, non è rimasto altro da fare che multarlo sia per la mancanza del green pass, sia per l’utilizzo di mascherine non idonee. Due le sanzioni per un importo complessivo di 1.000 euro.

2

Articoli rimanenti

Accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

1€/mese per 3 mesi, poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Sblocca l’accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

Video del giorno

L'inaugurazione della Casa di Comunità di Goito con Fontana e Moratti

La guida allo shopping del Gruppo Gedi