Mantova, dal Fermi alle Raccorderie: studenti al test in azienda

Copyright 2021 Stefano Saccani, all rights reserved

Parte con tre quinte dell’istituto superiore il progetto lanciato da Ceccardi: lezioni con i manager, visita agli stabilimenti e sfida pratica in Academy

MANTOVA. Venerdì era il turno delle ragazze e dei ragazzi della quinta B di meccanica e meccatronica mentre il 28 e il primo aprile sarà la volta dei loro compagni di altre due quinte dell’istituto superiore Fermi. Raccorderie Metalliche apre le porte della sua Academy agli studenti delle scuole superiori per un percorso di formazione a cavallo tra la teoria e la pratica con lezioni in classe, visita agli stabilimenti e sfida finale sul campo con la realizzazione di un leggio utilizzando tubi e raccordi. L’obiettivo, come spiega il presidente Pierluigi Ceccardi mentre si confronta con i ragazzi all’opera ai banchi di lavoro, «è dare loro possibilità in più di inserimento nel mondo del lavoro mostrando come funziona davvero una fabbrica di oggi, d’altronde abbiamo sempre avuto uno stretto rapporto con le scuole e la manodopera qualificata è un valore aggiunto per le aziende».

Racconta la Hr Beatrice Barili che il percorso, che sta coinvolgendo sessanta alunni del corso di studi dell’istituto tecnico settore tecnologico «è iniziato nelle aule del Fermi con sei ore di lezioni teoriche e tecniche sul prodotto tenute dal nostro product manager Fabrizio Pizzamiglio, per proseguire in azienda con la visita agli stabilimenti Inox Pres e Carbonio di Campitello e si conclude con una sfida pratica che vede ogni classe da venti ragazzi divisa in cinque gruppi impegnati a costruire un leggio con i nostri tubi e raccordi partendo da un modello che abbiamo fornito, al termine il leggio migliore verrà premiato».

Accompagnati all’Academy dai docenti Gisberto Voce e Mariano Schiavo, i ragazzi sono stati seguiti nella prova pratica dall’ingegner Pizzamiglio: «Se le lezioni in classe erano focalizzate sugli aspetti tecnici e sulle competenze che gravitano attorno a una produzione industriale come questa, quest’ultimo step li porta a toccare con mano alcune tecniche».

Ed eccoli alle prese con trapani, misurazioni, avvitatori e quant’altro, talmente impegnati nella sfida da non accorgersi quasi del piccolo pubblico che li sta osservando, nella sede della nuova scuola di formazione di Raccorderie, inaugurata a ottobre 2020 accanto al quartier generale.

Per il Fermi «la sfida – spiega la dirigente Marianna Pavesi – è costruire un sistema che dialoghi, nostro compito è anche lavorare sulle competenze che potranno servire ai nostri studenti quando si affacceranno al mondo del lavoro. E in quest’ottica si inserisce anche il convegno che abbiamo organizzato per domani (oggi, per chi legge) a scuola con associazioni di imprese e aziende».

Per Raccorderie è proseguire un cammino «che ci vede promotori – racconta il dirigente risorse umane Luciano Provasi – di un rinnovamento dei contenuti del concetto di alternanza scuola lavoro, quello tra scuole e aziende non deve essere un percorso unidirezionale ma di integrazione il che significa aggiornare i contenuti dal punto di vista esperienziale dei ragazzi attraverso strumenti messi a disposizione dell’azienda».

E qui a Campitello sono «disposti ad attivare percorsi – conclude – che integrino il percorso scolastico degli studenti anche finanziandoli e speriamo che questa opportunità venga colta anche da altri istituti scolastici».

2

Articoli rimanenti

Accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

1€/mese per 3 mesi, poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Sblocca l’accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

Video del giorno

Prima uscita pubblica di Meloni: "Con Berlusconi incontro costruttivo, a Salvini mando 'bacioni'"

La guida allo shopping del Gruppo Gedi