Mantova, pulizia delle strade dopo gli incidenti: appalto a zero euro

Il compenso per il concessionario deriverà dalla compagnia di assicurazione del responsabile dell’incidente

MANTOVA. Una squadra di pronto intervento, in caso di incidente stradale, per liberare la carreggiata da detriti e liquidi, e ripristinare la sicurezza per gli automobilisti che la percorreranno. È quella che la Provincia mette a disposizione con l’affidamento in concessione di un servizio di ripulitura e bonifica della sede stradale. Chi vince l’appalto interverrà per i prossimi quattro anni e, in un tempo che non supererà l’ora, dovrà ripristinare le iniziali condizioni di sicurezza. Il tutto a costo zero per la Provincia: il compenso per il concessionario deriverà dalla compagnia di assicurazione del responsabile dell’incidente e, in caso non si riesca a individuarlo, a rispondere sarà la società che ha vinto l’appalto.

La gara è stata espletata in questi giorni. Vi hanno partecipato cinque società delle nove invitate. Alla fine quattro sono state le offerte tecniche ricevute e la migliore è stata ritenuta quella di Sicurezza e Ambiente Spa di Roma, la stessa che già aveva avuto la concessione del servizio nei quattro anni precedenti. La concessione è stata valutata, fino al 2026, 299.500 euro sulla base dei centoventi incidenti all’anno di media avvenuti nel precedente quadriennio. Ma, come detto, Palazzo di Bagno non sborserà un euro.

Toccherà, dunque, alla società romana, un colosso del settore con i suoi seicento centri operativi sparsi in tutt’Italia e 2.500 uomini pronti a intervenire non appena lo richiedano la stessa Provincia oppure le forze dell’ordine, garantire la sicurezza dopo ogni incidente. In base al capitolato d’appalto le squadre dovranno intervenire subito e concludere il loro lavoro entro un tempo prefissato dalla chiamata: in 45 minuti nei giorni feriali e in 60 il sabato e nei giorni festivi.

La centrale operativa dovrà essere attiva 365 giorni all’anno e ventiquattro ore su ventiquattro. Gli interventi delle squadre riguardano il ripristino della strada dopo un incidente con la pulitura e il lavaggio della carreggiata in seguito agli sversamenti di carburanti, lubrificanti e refrigeranti; dovranno anche raccogliere i detriti causati del sinistro e cioè frammenti di vetro, pezzi di plastica e di metallo che si staccano dai veicoli coinvolti, oltre a recuperare i materiali trasportati dai veicoli coinvolti.

E se si riesce a individuare il responsabile dell’incidente, la società dovrà anche rimettere a posto o sostituire le barriere protettive, la pavimentazione di strade e ciclabili, la segnaletica, gli impianti di pubblica illuminazione e tutto quanto relativo alla circolazione venga danneggiato. 


 

2

Articoli rimanenti

Accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

1€/mese per 3 mesi, poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Sblocca l’accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

Video del giorno

Il mantovano Affini dopo la prima parte del Giro d'Italia: «E manca la parte più tosta»

La guida allo shopping del Gruppo Gedi