Contenuto riservato agli abbonati

Delitto di Luzzara, perizia sui telefonini dei due fratelli indagati

Conferito in tribunale a Reggio l’incarico per eseguire accertamenti tecnici sul contenuto dei telefonini della vittima e dei due fratelli indagati per la morte di Ranjeet Bains, l’operaio di origine indiana di 38 anni, deceduto in seguito a un’aggressione subita nell’azienda Quattro B a Codisotto di Luzzara, nel Reggiano

MOTTEGGIANA. È stato conferito in tribunale a Reggio, l’incarico per eseguire accertamenti tecnici sul contenuto dei telefonini della vittima e dei due fratelli indagati per la morte di Ranjeet Bains, l’operaio di origine indiana di 38 anni, deceduto in seguito a un’aggressione subita nell’azienda Quattro B a Codisotto di Luzzara, nel Reggiano, dove tutti i protagonisti della vicenda lavoravano.

Il giudice ha affidato l’incarico a un perito, che avrà 60 giorni di tempo per analizzare i telefonini, alla ricerca di possibili elementi – messaggi, numeri, registro chiamate, audio o immagini – che possano essere utili alle indagini, che vedono sotto accusa i fratelli Paranjit e Caranijt Singh, 41 e 40 anni, residenti a Suzzara. Il decesso di Bains, che abitava a Motteggiana, era avvenuto dopo un violento diverbio in azienda, nel pomeriggio del 7 febbraio scorso.

Video del giorno

Ucraina, la fuga disperata del caccia russo in fiamme

La guida allo shopping del Gruppo Gedi