Contenuto riservato agli abbonati

Maltrattava marito e figli, manca una testimone:la sentenza a Mantova rinviata a luglio

Quella che avrebbe dovuto essere l’ultima udienza, conclusa dalla relazione psichiatrica di un’esperta nominata dalla difesa. Ma la professionista non si è presentata e per questo sarà multata.

MANTOVA. La crisi coniugale con il marito, secondo l’accusa, sarebbe sfociata in una rabbia incontrollata anche contro i tre figli, due dei quali sono già stati sentiti in aula. «In casa c’era un clima di terrore. Urla e insulti irripetibili contro di me e contro i ragazzi. Era diventata ingestibile, e faceva paura». Questo aveva testimoniato il marito di una cinquantenne di Mantova finita a processo per maltrattamenti in famiglia.

Video del giorno

Il Grande Fiume ha sete: le impressionanti immagini dal drone del Po in secca

La guida allo shopping del Gruppo Gedi