Contenuto riservato agli abbonati

Mantova, torna a crescere il lavoro precario: nel 2021 oltre mille addetti in più

Verso il rinnovo del contratto nazionale per 7mila somministrati nel Mantovano. Nidil Cgil: stop turn over ingiustificati e interruzioni di missioni

MANTOVA. Sono stati quelli che nel 2020 hanno pagato il prezzo più alto della crisi Covid per posti di lavoro persi. E ora sono la dimostrazione vivente che in un contesto di occupazione in crescita la precarizzazione del mondo del lavoro ha ricominciato a galoppare. Stiamo parlando dei lavoratori definiti con quel terribile termine che è “somministrati” (quasi si trattasse di farmaci e non di persone) e delle due facce di una stessa medaglia fotografate dall’osservatorio di Epitemp, l’ente bilaterale nazionale per il lavoro temporaneo, sull’andamento di questo tipo di contratti nel Mantovano.

Ovvero

Video del giorno

Maltempo a Cremona: una tromba d'aria abbatte alberi e infrastrutture

La guida allo shopping del Gruppo Gedi