Contenuto riservato agli abbonati

A Mantova 1.400 ciechi. L’appello dell’Unione: «Non statevene chiusi»

L’associazione degli ipovedenti conta oggi 250 soci. «Contattateci, perdere la vista non è smettere di vivere»

MANTOVA. Uno spiraglio oltre il buio pesto. «Perdere la vista non significa smettere di vivere, si può e si deve andare avanti imparando a vedere con le mani e i sentimenti, per concedersi nuove amicizie e altre opportunità». Parola di Mirella Gavioli, presidente provinciale dell’Unione italiana ciechi e ipovedenti (Uici), che a Mantova conta 250 soci. Cifra robusta in termini assoluti, ma povera rispetto alle 870 persone con cecità totale e parziale censite dall’Inps, a cui vanno sommati almeno altri 500 ipovedenti in forma più o meno severa.

È

Video del giorno

Canneto, l'Oglio in secca fa riemergere le palafitte dell'età del Bronzo

La guida allo shopping del Gruppo Gedi