Contenuto riservato agli abbonati

Mantova, donna in fuga dallo stalker si oppone all’archiviazione del caso

©StefanoSaccani2017

Era stata attirata in Italia con il miraggio di un lavoro pulito, ma era stata impiegata irregolarmente nei campi. Poi la denuncia per le violenze del compagno e la fuga a Mantova

MANTOVA. È partita dal Marocco convinta che in Italia avrebbe trovato un lavoro e un po’ di conforto per declinare il presente in futuro, ma è precipitata in un inferno di sfruttamento e violenza, parabola comune a tante donne. Così ha raccontato ai carabinieri, alle operatrici del Centro Aiuto alla Vita, che per un periodo le hanno trovato un alloggio protetto, e all’avvocato Beatrice Biancardi, che l’ha assistita nella querela contro il suo presunto stalker e adesso si oppone all’archiviazione del caso «per infondatezza della notizia di reato».

La

Video del giorno

La furia della tempesta si abbatte su un vivaio mantovano

La guida allo shopping del Gruppo Gedi