Contenuto riservato agli abbonati

Donne e bambini in fuga dalla violenza: a Mantova gli alloggi sono pieni

L’accoglienza del Centro Aiuto alla Vita: i 45 posti disponibili sono occupati, per far fronte alle situazioni di emergenza si affittano appartamenti sul libero mercato e stanze nei bed and breakfast. Le case? Non più fisse, facilmente individuabili, ma diffuse in tutto il territorio

MANTOVA. Tutto esaurito. Per l’accoglienza delle donne in fuga dalla ferocia di compagni e mariti è sempre altissima stagione. Dopo la flessione delle richieste d’aiuto indotta dal lockdown, che ha sigillato nello stesso spazio vittime e maltrattanti (come si chiamano in gergo), senza alcuno spiraglio, adesso la reazione delle donne è esplosa e continua a crescere.

I quarantacinque posti messi a disposizione dal centro antiviolenza gestito dal Centro Aiuto alla Vita, «sono occupatissimi» riferisce la presidente Marzia Monelli.

Video del giorno

Ghiacciaio della Marmolada, il video della zona del crollo il giorno prima

La guida allo shopping del Gruppo Gedi