In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni
VIADANA

San Matteo ancora isolata, minoranze all’attacco: «Tutto fermo»

Proteste anche in paese per l’interruzione della provinciale da fine di maggio. L’assessore Gualerzi: «A breve illustreremo il progetto scelto per i lavori»

Camilla Sorregotti
1 minuto di lettura

VIADANA. Il ponte sul canale Ceriana ormai è chiuso dalla fine di maggio, perché gravemente ammalorato. E i disagi per i residenti di San Matteo delle Chiaviche, praticamente isolati, continuano. I lavori di messa in sicurezza non sono cominciati e ancora non si ha una data di inizio, ma quello che è certo, stando alle notizie risalenti a luglio, è che la Provincia ha stanziato 700mila euro per l’intervento di riparazione.

[[(gele.Finegil.StandardArticle2014v1) L’intervento sarà finanziato interamente dalla Provincia. L’obiettivo: riaprire la strada per l’inizio dell’estate 2023]]

Ora, però, sembra che qualcosa si stia muovendo: «Abbiamo fatto un incontro con la Provincia prima di Ferragosto, durante il quale sono stati vagliati quattro progetti – riferisce l’assessore ai lavori pubblici Ivan Gualerzi – A breve illustreremo quale di questi è stato scelto per i lavori sul ponte».

Le lamentele dei cittadini di San Matteo non si placano, perché ormai da mesi non riescono a raggiungere località vicine come Squarzanella e Bellaguarda, se non facendo giri lunghissimi passando per Dosolo o Viadana.

[[(gele.Finegil.StandardArticle2014v1) Comune e Provincia sondano la possibilità di una struttura provvisoria. Obiettivo: liberare San Matteo dall’isolamento. Ora si attende una relazione]]

Inizialmente si pensava di trovare una soluzione alternativa costruendo un ponte provvisorio con l’aiuto dell’Esercito, infatti a metà luglio c’era stato un sopralluogo tecnico da parte del 10° Reggimento Genio Guastatori di Cremona per capire se fosse possibile la realizzazione di quest’opera e, soprattutto, in quanto tempo.

[[(gele.Finegil.StandardArticle2014v1) Palazzo di Bagno ha affidato l’incarico di monitorare alcune infrastrutture. Entro il 10 settembre il rapporto finale da inserire sulla piattaforma web]]

Ad oggi però nulla sembra essersi mosso da quell’incontro tra amministrazione ed Esercito, Come confermano anche alcuni consiglieri della minoranza: «Per ora è tutto fermo. Nessuno ci ha più detto niente, quindi speriamo che nel prossimo consiglio comunale, che dovrebbe esserci tra poco, ci aggiornino» interviene Alessia Minotti di Viadana Davvero.

La pensa allo stesso modo Adriano Saccani di Uniti per Viadana: «Non abbiamo novità. Noi avevamo fatto anche una mozione e una interrogazione per smuovere la situazione ponte, ma non è servito a niente. Staremo a vedere quando ci sarà un incontro pubblico, sperando ci spieghino qualcosa di più».

I commenti dei lettori