In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni
marcaria

Caro bollette: un bando per aiutare le famiglie, ma dubbi dalla minoranza

Per ricevere il contributo è necessario presentare l’Isee. Simonazzi: «Sarebbe stato meglio utilizzare il reddito»

Camilla Sorregotti
1 minuto di lettura

MARCARIA. Per contrastare il caro bollette, il Comune, con la collaborazione di Tea, ha aperto un bando per l’assegnazione di un contributo straordinario alle famiglie per la copertura delle spese relative ai consumi di energia elettrica e gas nel periodo ottobre 2021 - aprile 2022. Le modalità di accesso al bando sono state contestate dal gruppo consiliare di minoranza, il quale aveva proposto un’alternativa.

I fondi sono messi a disposizione da Tea e possono fare domanda coloro che sono in possesso di alcuni requisiti, come essere residenti nel Comune di Marcaria ed essere intestatari di un’utenza di energia elettrica di un immobile sito nel territorio di Marcaria e utilizzato come abitazione principale. Fondamentale per partecipare al bando è l’Isee, che deve necessariamente essere di importo pari o inferiore a 15mila euro. Le famiglie il cui Isee supera questa soglia non possono richiedere il contributo. «Noi avevamo proposto di richiedere, come requisito per accedere al bando, il reddito dell’intestatario dell’utenza - spiega Stefano Simonazzi, consigliere di minoranza- Questo perché utilizzando l’Isee anche le famiglie economicamente più in difficoltà, che ricevono già molti aiuti dal Comune, possono richiedere i contributi. Così facendo le famiglie che non sono in situazioni di disagio economico, ma che ricevono comunque bollette da 700 euro, avranno un contributo di pochi euro, di cui se ne fanno poco». Secondo la minoranza quindi, piuttosto di dare contributi poco ingenti a tante famiglie sarebbe più utile scegliere meno famiglie ma dando loro una somma più cospicua.

Per decidere come e a chi attribuire il contributo verrà formulata una graduatoria a punti, che al massimo possono arrivare a 100. Le famiglie alle quali Tea o Sei forniscono l’energia o il gas avranno un punteggio di quaranta punti, mentre gli altri fornitori valgono zero. Le famiglie con un Isee compreso tra lo 0 e i 5mila euro riceveranno venti punti, dai 5mila ai 10mila i punti assegnati sono 10 e dai 10 ai 15mila sono zero. La graduatoria sarà pubblicata sul sito del Comune entro trenta giorni dalla chiusura del bando il 20 settembre, e i contributi verranno erogati entro sessanta giorni dall’approvazione della graduatoria.

I commenti dei lettori