In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni
I conti del Comune

Soldi per il buco del caro-energia con 858mila euro si arriva a fine anno

Mantova, variazione di bilancio da 3,5 milioni per trovare le risorse. Inseriti anche i fondi del Pnrr destinati agli investimenti

Sa.Mor.
2 minuti di lettura
ANSA (ansa)

MANTOVA. Altri 858mila euro. È quanto il Comune ha dovuto trovare nelle pieghe del suo bilancio per garantire il pagamento delle bollette di luce, gas, teleriscaldamento e acqua di tutti gli edifici comunali fino alla fine dell’anno. Uno sforzo notevole e necessario per far fronte a fatture energetiche che tra luglio e agosto si sono quadruplicate rispetto a giugno quando per le utenze si spesero 55mila: dai 211mila euro di luglio si è passati ai 210mila di agosto, e non è finita qui.

In soccorso del Comune è arrivato lo Stato che ha erogato contributi per 655.600 euro; gli altri 202.750 euro sono invece risorse del bilancio comunale, reperite grazie alle maggiori entrate che si sono registrate in quest’ultimo periodo e a risparmi messi in campo dai vari settori. Per consentire il pagamento delle bollette è stata necessaria una variazione di bilancio da tre milioni e mezzo di euro per inserire nel conto sia le nuove entrate che le nuove spese.

La variazione sarà ora all’attenzione delle commissioni per poi approdare in consiglio comunale per la ratifica. Le maggiori entrate riguardano innanzitutto l’incremento del gettito dell’addizionale Irpef comunale per 100mila euro, a cui si aggiungono 65mila euro di canoni di concessione e altri 52mila euro di imposte sulla pubblicità: risorse destinate a pagare le bollette. Sono entrati anche 75mila di contributo del ministero dei beni culturali per il progetto “Heritage centro diffuso”, 92mila euro dal ministero delle pari opportunità e dalla Regione per i centri estivi, 16mila euro dal ministero dell’Interno per la prevenzione e il contrasto delle truffe agli anziani, 135mila euro dalla Regione per il contrasto alla violenza di genere, 32.600 euro come contributo al fondo povertà e 30mila euro dall’Ats per il centro per le famiglie.

«Nonostante l’impatto che l’aumento dei costi energetici ha anche sul nostro bilancio – dice il vicesindaco Giovanni Buvoli – continuiamo a reperire risorse per nuovi investimenti che fanno bene alla città».

Nella variazione di bilancio ci sono le nuove entrate generate dai bandi del Piano nazionale di ripresa e resilienza, a cui il Comune ha partecipato vincendoli. In particolare, sono arrivati un milione e centomila euro per la cittadella dello sport Nuvolari, al campo scuola, per realizzare la nuova area polisportiva outdoor con nuovi campi e relative dotazioni e una club house. Altri 400mila euro sono disponibili per interventi di efficientamento energetico dell’impianto di illuminazione del campo da rugby e la realizzazione di una nuova area dedicata al tiro con l’arco.

Dal bando mobilità sostenibile sono arrivati 539mila euro, la prima tranche dei cinque milioni e 391mila che serviranno per il rinnovo della flotta degli bus cittadini. Contestualmente, è stato adeguato il programma triennale dei lavori pubblici 2022-2024 e quello biennale 2022-2023 degli acquisti di forniture e servizi con l’inserimento di cinque milioni e 742mila euro, l’importo proposto da Tea Reteluce e Sauber srl per il project financing relativo all’efficientamento energetico e alla gestione calore di tutti gli immobili comunali.

Infine è stato integrato il piano industriale Aster 2022-2024 per consentire alla società in house del Comune, soggetto realizzatore del progetto Housing First presentato dallo stesso Comune nell’ambito del Pnrr, di riqualificare tre alloggi di proprietà comunale situati in via Paride Suzzara Verdi al Frassine, confiscati alle mafie, e due alloggi in via Tassoni e destinarli all’housing sociale. Il tutto, per un quadro economico di 506 mila euro.

I commenti dei lettori