In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni

Muri scrostati e panchine rotte: protesta alla materna Agazzi di Villa Saviola

I genitori chiedono con urgenza interventi alla scuola dell’infanzia della frazione di Motteggiana

Mauro Pinotti
1 minuto di lettura

«In questi ultimi giorni sono stato contattato da arrabbiatissimi genitori di bambini che frequentano la scuola materna “Agazzi” di Villa Saviola in Motteggiana. Mi hanno chiesto di portare all’attenzione la situazione di mal conservazione della struttura, il tutto documentato da fotografie a dir poco sconcertanti».

Così ha esordito il consigliere comunale di Motteggiana per un cambiamento Massimo Bonesi a cui sono arrivate delle fotografie che dimostrerebbero alcune criticità. «La situazione più preoccupante, anche per la salute dei piccoli alunni - ha spiegato ancora Bonesi - è la mensa scolastica dove sono costretti a consumare i pasti tra muri scrostati ed ammuffiti. Nel dormitorio, per oscurare le porte dalla luce, ci sono cartoni fissati col nastro adesivo in stile “baraccopoli”, mentre per le finestre si è adottato un tendone attaccato in modo posticcio con delle fascette. Si segnalano inoltre la presenza di panchine di legno rotte e rappezzate con nastro adesivo ed una imbarazzante carenza di sedie: i bimbi si portano la propria sedia dalla classe alla mensa. I genitori pertanto – ha concluso Bonesi - chiedono a gran voce un intervento urgente all’amministrazione comunale per risolvere questi problemi».

Immediata la replica dell'amministrazione comunale, che ha già preso visione della situazione della scuola materna “Agazzi” che fa parte dell'Ic.2 “Il Milione” di Suzzara. «Alcune problematiche - afferma Giorgio Chiarentin responsabile dell'ufficio tecnico comunale - erano note, mentre altre, come la panchina rotta aggiustata con nastro era del tutto sconosciuta. In questo caso però bastava fare una segnalazione ed eliminare la panchina che avremmo provveduto a portare in discarica. Ad anno scolastico iniziato c'era stata la necessità di reperire alcune brandine perché quelle presenti nella scuola non erano sufficienti. Ci siamo adoperati di fornire dieci brandine, che abbiamo recuperato in alcune scuole materne di Suzzara che erano in eccesso. Però sarebbe stato giusto sapere queste necessità prima dell'inizio delle scuole. Per quanto riguarda l'umidità sul muro della mensa ci eravamo già occupati di pulire una grondaia intasata, che aveva causato le infiltrazioni. Si è provveduto a grattare l'intonaco per far asciugare la parete, che poi verrà ritinteggiata. E anche per questo stiamo provvedendo di concerto col dirigente scolastico Stefano Trevisi dell'Ic.2 “Il Milione”». 

I commenti dei lettori