In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni

L’ex colonia elioterapica di San Giorgio Bigarello diventerà un parco didattico

La memoria della struttura di Mottella affidata a foto e audio sul sito del Comune. L’area sarà ripiantumata e ospiterà attività di educazione ambientale e giochi

Barbara Rodella
1 minuto di lettura

La ex colonia elioterapica a Mottella, in via Virgilio, diventerà un parco didattico e rivive attraverso fotografie e racconti di chi quel centro lo ha visto attivo. È questo il progetto del Comune presentato ieri in conferenza stampa.

«Abbiamo ricostruito la memoria di questi luoghi» spiega la vice sindaco Barbara Chilesi. Nata negli anni ’30 del Novecento, e in funzione fino agli anni ’80, la colonia elioterapica nacque per ospitare i bambini e i ragazzi del territorio. Le attività, seguite dalle sorelle della Misericordia, erano di cura, custodia, educazione. Oggi di quello spazio sono rimasti il grande parco e un piccolo refettorio, ristrutturato dal Comune e agibile. Altri stabili sono attualmente in uso della Caritas Diocesana.

La colonia ospitava bambine orfane, ma non solo. Alcune bimbe erano seguite dalle suore perché entrambi i genitori lavoravano e non potevano occuparsi quindi dei figli. Nello stabile staccato dalla struttura principale le piccole ospiti prendevano il sole e giocavano con la sabbia stando all’aria aperta. Tutto quel mondo ora può essere conosciuto attraverso fotografie che mostrano lo spazio e cosa si faceva e attraverso la raccolta delle memorie delle persone che hanno vissuto in quegli anni.

Alcune testimonianze arrivano proprio dalle suore che avevano in gestione la struttura. «Ho 81 anni – racconta suor Paola –. Ho vissuto a Mantova quattordici anni e per un periodo breve ho vissuto nella colonia. Mi son trovata bene con i bimbi, ma anche con la gente che viveva vicino a noi». «Alcune ragazze tornavano anche a casa, altre restavano a dormire – racconta suor Franca - In una camera c’erano circa dieci posti letto. A tavola era bello stare insieme e chiacchierare. Accendevamo anche il fuoco per allontanate le zanzare».

Foto e audio possono essere consultati sul sito del Comune di San Giorgio Bigarello. La ricerca/ raccolta è stata finanziata da un bando della Regione per 30mila euro. Anche il parco sarà riqualificato con la piantumazione di nuovi alberi e la creazione di un frutteto con frutti antichi di inizio ’900. L’obiettivo è quello di utilizzare il refettorio e il parco per attività, anche di educazione ambientale, e giochi in collaborazione con le associazioni del territorio.

I commenti dei lettori