In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni
Goito

Biblioteca in movimento: dalle letture in classe al furgone ambulante

Molte le iniziative rivolte ai bambini

Barbara Rodella
Aggiornato alle 1 minuto di lettura

Avvicinare i giovani e i giovanissimi alla lettura. Sono tanti i progetti dedicati alle scuole, dalla materna alle medie, che il Comune, in collaborazione con la biblioteca, sta mettendo in campo. Per i più piccoli, una lettura in classe. La bibliotecaria Marta Frigo incontrerà i bimbi da 0 a 6 anni a scuola. I momenti di lettura saranno creati nelle classi. I bimbi non dovranno spostarsi. Questo per agevolare soprattutto le frazioni. Il progetto parte già da quest’anno per proseguire col 2023. Un’iniziativa, questa, che va ad aggiungersi a “Nati per leggere”, un progetto nazionale a cui il Comune di Goito aderisce. Con i lavori alla scuola di Goito che coinvolgono anche la biblioteca, le letture, una volta al mese, si sono spostate al centro Arcobaleno. Durante il Covid c’era stato un calo degli iscritti, ma ora il progetto sta ripartendo con 15 bimbi. Tornando ai progetti dedicati alla scuola, il Comune sta organizzando per il secondo anno “Azzurrone”. Un furgone azzurro, che diventa una biblioteca mobile, andrà nelle scuole elementari in primavera per letture all’aperto in collaborazione sempre con la bibliotecaria e la coop. Charta che ha in gestione la biblioteca.

«La lettura si svolge all’aperto – spiega la consigliera con delega alla biblioteca, Martina Villagrossi -. Abbiamo iniziato lo scorso anno perché la lettura all’aperto si prestava considerato il periodo Covid. Il progetto sarà organizzato in primavera quando il clima permetterà di svolgere l’iniziativa». Alla scuola media, in collaborazione con scuola e docenti, sarà ampliato a più classi il gruppo di lettura che vede coinvolti al momento circa 20 ragazzi. «Il progetto era partito lo scorso anno in via sperimentale ed è proseguito anche durante la pausa estiva» spiega la consigliera. I ragazzi si ritrovano una volta al mese per parlare di un libro letto. Non sempre viene dato loro un testo preciso, si lascia anche libertà di scegliere. Si crea così un momento di discussione e di confronto. Ora gli studenti si ritrovano negli spazi della scuola, ma al termine del cantiere torneranno in biblioteca. Sempre per le medie partirà poi un progetto per la catalogazione dei libri (circa 200) della biblioteca della scuola che prevede laboratori per gli studenti. 

I commenti dei lettori