In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni

Disagio scolastico: scuola e servizi sociali uniscono le forze

Siglato a Suzzara, in occasione della “Giornata Mondiale dei Diritti dei Bambini”, il protocollo di collaborazione

MAURO PINOTTI
1 minuto di lettura

È stato siglato, in occasione della “Giornata Mondiale dei Diritti dei Bambini”, nella sede di Socialis in via Mazzini a Suzzara, il protocollo di collaborazione tra la scuola ed i servizi sociali.

Scopo di questo progetto, cui vari soggetti lavorano da circa un anno, è costruire una rete tra le scuole del territorio per creare una linea diretta di condivisione e supporto reciproco tra scuola e servizio sociale, con l’obiettivo generale di costruire e consolidare una prassi di lavoro tra i principali enti che si occupano di prevenzione del disagio familiare e giovanile.

In questo modo sarà creata una rete territoriale di servizi, in grado di sostenere le famiglie in tutte le sue fasi di cambiamento.

Il documento, di facile lettura e applicazione, è stato costruito anche per prevenire eventuali fenomeni di disagio sociale sia che vengano segnalati dalle scuole che dalle famiglie.

Il disagio scolastico è un aspetto del disagio giovanile, riguarda infatti gli alunni preadolescenti ed adolescenti.

E’ un fenomeno complesso legato sì alla scuola, come luogo di insorgenza e di mantenimento, ma anche a variabili personali e sociali, come le caratteristiche psicologiche e caratteriali da una parte e il contesto familiare/culturale dall’altra. Il disagio si esprime in una grande varietà di situazioni problematiche che espongono lo studente a rischio di insuccesso e di disaffezione alla scuola.

Alla presentazione e alla firma del protocollo erano presenti gli assessori ai servizi sociali dei Comuni che fanno parte del Distretto suzzarese tra cui Alessandro Guastalli, Carla Ferrari e Daniela Baraldi, gli assessori all’istruzione Manuela Tirelli e Raffaella Zaldini, idirigenti scolastici Patrizia Mantovani, Stefano Trevisi, Rossella Auriemma, Giovanna Angela Puccetti, Donatella Gozzi, il coordinatore dell’area minori e famiglia di Azienda Socialis Sara Facchinetti e gli operatori dell’area minori e famiglia.

I commenti dei lettori