In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni

Infiltrazioni d’acqua, freddo e umidità alla scuola materna Rodari di Suzzara

Protestano i genitori dei piccoli alunni della scuola. Venerdì 25 novembre nelle aule erano presenti solo quattro bambini

Mauro Pinotti
Aggiornato alle 1 minuto di lettura

Ancora problemi alla scuola dell'infanzia “Rodari” di via Lambrakis a causa di infiltrazioni d'acqua piovana dalla copertura dell'edificio scolastico e umidità all'interno di alcune aule. Necessario effettuare opportune verifiche e ispezioni. Il maltempo di martedì scorso ha riportato secchi e bacinelle sul pavimento per raccogliere l’acqua. Inoltre la temperatura interna, secondo i genitori, è risultata piuttosto fredda.

Immediata la protesta di mamme e papà che si sono ritrovati l'ennesima “sorpresa" dopo la giornata di intensa pioggia, ricordando che lo scorso settembre al rientro dei bambini dopo le vacanze estive, tanti problemi non erano ancora stati risolti. Il porticato all'ingresso, dove sono evidenti i segni delle infiltrazioni, è diventato nero per la muffa. In alcune zone interne, le educatrici sono state costrette a mettere qualche secchio, perché a distanza di giorni dal maltempo di martedì 22, dal soffitto cadevano gocce d'acqua. Ai genitori, tenere bambini così piccoli, in un ambiente freddo e malsano col rischio che si ammalino, la cosa non piace molto. Ieri mattina, alla scuola dell'infanzia “Rodari” c'erano solo quattro bambini e questo non si sa se sia dovuto al fatto della scarsa manutenzione o a causa delle temperature interne giudicate dagli stessi genitori, un po' troppo fredde per bimbi da 3 a 6 anni. Alcune mamme hanno sostenuto che i termosifoni vengano spenti dalle 14.30 e restino tali fino a quando vanno a riprendersi i figli intorno alle 18.

Immediata la replica dell'amministrazione comunale che ha garantito di mantenere temperature idonee, nel rispetto anche delle ultime norme in tema di consumi energetici per far fronte al caro bollette. Per quanto riguarda la manutenzione, l'ufficio tecnico è al corrente dei problemi della scuola dell'infanzia “Rodari” e nei prossimi giorni provvederà ad effettuare le necessarie riparazioni. Tuttavia, è notizia dell'altro ieri che il Comune di Suzzara è risultato assegnatario di un contributo pari ad 8.400.000 euro per la realizzazione del nuovo polo dell'infanzia che sarà costituito da due corpi di fabbrica contigui e lineari, ciascuno strutturato autonomamente e funzionale: uno adibito ad asilo nido con accesso principale da piazza della Resistenza e l’altro destinato a scuola dell’infanzia realizzato su due piani con accesso principale da via Lambrakis.

I commenti dei lettori