In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni

La Moratti presenta la sua squadra e nomina i referenti

Verso le regionali: a Mantova sceglie Stefano Desideri, ingegnere di 54 anni. «Letizia è il nuovo, mette al centro le istanze della gente»

Aggiornato alle 2 minuti di lettura

Letizia Moratti ha dato l'avvio ufficiale della sua campagna elettorale per le regionali in Lombardia presentando la lista civica che porta il suo nome «Letizia Moratti Presidente», emanazione dell’associazione Lombardia Migliore che vede tra i suoi fondatori il consigliere regionale Manfredi Palmeri. In un appuntamento al Palazzo delle Stelline di Milano ha svelato nome e logo, con il colore verde che fa riferimento al «verde delle pianure e delle colline delle nostre montagne», e «l'azzurro dei laghi e dei fiumi di questa terra» mentre nelle «linee curve ritroviamo anche l'energia del movimento e un'ideale festa di bandiere» ha spiegato.

All’appuntamento hanno presenziato oltre trecento persone tra cui volti noti ai mantovani come Davide Boni, ex leghista ed ex presidente del consiglio regionale, oltre che della Provincia di Mantova. Tra i presenti anche l’ex di Forza Italia Valentina Aprea, l’ex consigliere regionale leghista Senna. L'ex vicepresidente di Regione Lombardia è arrivata al Palazzo delle Stelline accompagnata dai suoi collaboratori, dall'imprenditore Tiziano Mariani, suo consulente ed editore di Radio Lombardia, e dal guru della comunicazione politica Daniel Fishman. Moratti ha annunciato anche i nuovi referenti nelle singole province.

A rappresentare la candidata del Terzo Polo e la sua lista a Mantova sarà Stefano Desideri, ingegnere meccanico 54enne di Mantova, alla sua prima esperienza politica. «Mi sono messo in contatto con l’associazione Lombardia Migliore – ha poi spiegato – un passo alla volta sono arrivato a conoscerne i vertici, fino ad oggi».

Desideri annuncia che «sicuramente faremo qualcosa anche a Mantova alla presenza della Moratti per presentare la sua lista, anche se ancora non abbiamo fissato date». Quanto alla manifestazione di ieri, il nuovo referente per Mantova la definisce «fantastica, avvenuta davanti a oltre un migliaio di persone. Con noi ci sono tanti altri mantovani e pure alcuni sindaci di cui, però, al momento non faccio i nomi. Soprattutto, c’è tanto entusiasmo per quella che è una novità che rompe schemi consolidati e punta a realizzare qualcosa di nuovo che abbia al centro le istanze delle persone. Moratti è il punto di equilibrio, con esperienza sia in politica che nell’industria, una garanzia per tutti i lombardi e, quindi, anche per i mantovani. Basta vedere gli ottimi risultati ottenuti da vicepresidente e assessore alla sanità della Regione».

«Siamo in gioco per vincere e tutti insieme potremo farcela» ha fatto eco Letizia Moratti. «Quello che mi preoccupa sono le risposte che ancora i miei concittadini non hanno» ha risposto Moratti ai cronisti che le chiedevano se fosse preoccupata dall'apertura del M5S al Pd. La lista «si propone di lavorare in stretto contatto con i territori e le associazioni di categoria – ha spiegato – e con tutti i cittadini e le cittadine che vedono in una proposta civica un avvicinamento delle istituzioni ai loro bisogni».

I commenti dei lettori