In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni

L’influenza preoccupa più del Covid: ora Bertolaso spinge sulle vaccinazioni

L’appello dell’assessore regionale. La fascia d’età più colpita è quella dei bambini. La copertura degli over 65 è arrivata al 35,9%

1 minuto di lettura
ANSA (ansa)

In Lombardia dal 12 ottobre – quando è partita la campagna – al 23 novembre sono state vaccinate contro l’influenza quasi 1,4 milioni di persone (1.397.467). Lo ha riferito l’assessore al welfare della Regione Guido Bertolaso, illustrando la campagna per la vaccinazione antinfluenzale e i dati delle prime somministrazioni. Lo scorso anno nello stesso periodo erano state quasi 1,3 milioni le persone vaccinate (1.275.184).

«L’andamento dell’influenza è già ad alta intensità – ha spiegato Bertolaso – rispetto agli anni passati in cui il picco era a fine dicembre e inizio gennaio, e al periodo Covid in cui l’influenza si era messa da parte». Dal 26 novembre in Lombardia la vaccinazione antinfluenzale è gratuita e aperta a tutti i cittadini.

«Abbiamo iniziato a fare degli open day e c’è chi dice che lo scorso weekend non è andato bene – ha proseguito Bertolaso – In alcune zone della provincia di Milano e in altre province invece i numeri sono stati davvero positivi».

Sul territorio, inoltre, i numeri delle vaccinazioni nelle strutture Rsa, Rsd e altri centri diurni dicono che su 55mila ospiti ne sono stati vaccinati 41mila, il 73,7%. Mentre la copertura da 0 a 15 anni è solo dell’8,4%: «Non è la copertura migliore, ma è quella su cui puntiamo in modo più importante» ha insistito Bertolaso. La copertura degli over 65 è pari al 35,9%.

Capitolo Covid: «Se oggi dobbiamo dire quale delle due situazioni tra influenza e Covid ci impegna e preoccupa di più, parliamo d’influenza e non di Covid – ha affermato l’assessore regionale – Una questione che potremmo mettere più sotto controllo se tutti si vaccinassero contro l'influenza».

Non è tardi per provvedere alla vaccinazione, comunque: «Non vorrei che qualcuno pensasse che è tardi per farlo perché non è così, andrebbe sollecitata e stimolata questa attività – ha concluso Bertolaso – Siamo ancora in tempo per vaccinarci e tenere questa situazione sotto controllo. La vaccinazione contro l’influenza andrà avanti a oltranza, non c’è una data fissa, finché avremo vaccini andremo avanti».

In Lombardia dal 14 al 20 novembre ci sono stati oltre 130 mila casi di influenza, con i bambini come categoria maggiormente interessata rispetto ad adolescenti e anziani. Da inizio settembre sono 1 milione le persone che sono state colpite da patologie simil-influenzali.

I commenti dei lettori