In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni
lavoro atipico

La prima volta dei precari Cgil di Mantova: congresso e segretaria per Nidil

A 24 anni dalla nascita della categoria, i delegati votano direttivo e assemblea: il 30 novembre elezione di Gloria Pavesi e convegno con il leader nazionale del sindacato

Monica Viviani
1 minuto di lettura

Il momento è di quelli da segnare sul calendario. A ventiquattro anni dalla sua nascita, il sindacato dei lavoratori precari Nidil Cgil di Mantova approda il 30 novembre al suo primo congresso territoriale con l’elezione di Gloria Pavesi, già coordinatrice provinciale, a prima segretaria generale.

E per l’occasione sarà presente a Mantova il segretario generale di Nidil Cgil nazionale Andrea Barbieri che interverrà, a partire dalle 17.45 alla Camera del lavoro (sala Motta), insieme a Gloria Pavesi e al segretario generale della Cgil di Mantova Daniele Soffiati al convegno che partendo dalla domanda “Precarietà a tempo indeterminato?” approfondirà quali sono le prospettive per “promuovere lavoro stabile per un futuro stabile”.

Convegno preceduto dal primo congresso territoriale a cui partecipano i delegati scelti dalle assemblee di base tenute nei luoghi di lavoro, la cosiddetta “platea congressuale” formata da rappresentanti delle fabbriche, dei collaboratori, delle partite Iva, dei somministrati nel pubblico e nel privato, chiamati ad eleggere direttivo e assemblea che a sua volta voterà a scrutinio segreto la prima segretaria generale del sindacato dei precari di via Altobelli.

Traguardo non immediato per una categoria sindacale che rappresenta uomini e donne in una situazione di instabilità lavorativa e non di rado di sfruttamento come gli ex interinali assunti dalle agenzie e somministrati nelle aziende, come i collaboratori con contratto di lavoro parasubordinato, gli autonomi, i disoccupati, gli inoccupati. E raggiunto dopo un lungo cammino che ha portato all’elezione delle prime Rsu o Rsa dei precari in più di un luogo di lavoro sul territorio provinciale passando attraverso un susseguirsi di battaglie. Dall’impegno per tutelare le buste paga dei 220 lavoratori mantovani coinvolti nel 2016 nel fallimento dell’agenzia per il lavoro Trenkwalder agli esposti all’ispettorato del lavoro per scorrettezza nelle comunicazioni obbligatorie sull’utilizzo dei lavoratori somministrati da parte delle aziende; dall’impegno durante la pandemia per tutti quei lavoratori atipici esclusi da bonus o quant’altro previsti dai Dpcm che hanno costellato gli anni di emergenza sanitaria a quello per i lavoratori assunti da Adecco impiegati da Poste Italiane; dalle proteste in piazza contro “i licenziamenti per legge” a quelle per i collaboratori sportivi dimenticati. Mondo quest’ultimo senza indennità di malattia, coperture Inail in caso di infortunio, indennità di disoccupazione, accesso alla pensione pubblica, che l’ormai quasi neo segretaria generale di Nidil Cgil Mantova conosce bene: Gloria Pavesi, coordinatrice provinciale di Nidil da settembre 2021, è da lì che arriva.

I commenti dei lettori