In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni

Farmaci salvavita nelle scuole: via alla formazione degli insegnanti mantovani

Appuntamento online con i medici dell’Ats per acquisire nozioni utili alla somministrazione di medicinali agli studenti

1 minuto di lettura

L’Ats Val Padana nell’ambito dei progetti di prevenzione e promozione della salute rivolti alla scuola, organizza ogni anno l’evento formativo “Somministrazione dei farmaci in ambito scolastico”. Il prossimo appuntamento è fissato in modalità online per lunedì prossimo, 12 dicembre, dalle 14.30 alle 17.

L’iniziativa rientra tra le proposte offerte attraverso il catalogo “La Salute a Scuola: progettare in Rete”, occasione formativa che l’Ats rivolge alle scuole di ogni ordine e grado delle province di Mantova e Cremona. Il responsabile scientifico del corso è il dottor Luigi Vezzosi, dirigente medico della struttura Prevenzione delle malattie Infettive di Ats ed è tenuto dalle dottoresse Elena Bianchera e Gloria Molinari, assistenti sanitarie della struttura Promozione della salute e prevenzione dei fattori di rischio comportamentali di Ats, e dalla dottoressa Silvia Fasoli, primario della Pediatria del Poma. «L’appuntamento è rivolto a tutto il personale docente e non docente e agli operatori scolastici dei servizi comunali e delle cooperative che prestano servizio nelle scuole, al fine di garantire a tutti gli alunni che necessitano di somministrazione improrogabile di farmaci salvavita in orario scolastico di ricevere un’appropriata assistenza – sottolinea Laura Rubagotti, dirigente Ats – il corso inoltre è finalizzato ad evitare incongrue e inadeguate somministrazioni di farmaci e sostenere gli alunni, quando possibile, in percorsi di potenziamento della capacità individuale nella gestione della propria patologia».

«Il corso consente al personale di acquisire non solo nozioni e strumenti utili alla somministrazione dei farmaci – spiega il dottor Vezzosi – ma anche conoscenze relative alla modalità di conservazione, deposito e trasporto dei farmaci salvavita consegnati dalla famiglia agli operatori scolastici». Il corso ha riscosso interesse tra il personale della scuola raggiungendo i 200 iscritti, tanto che è prevista una seconda edizione a gennaio.

I commenti dei lettori