In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni
viadana

All’ospedale Oglio Po apre il day hospital oncologico

Finanziato da cittadini, associazioni e imprenditori che hanno raccolto oltre 400mila euro, sarà inaugurato martedì 13 dicembre

RICCARDO NEGRI
1 minuto di lettura

Il nuovo day-hospital oncologico dell’ospedale Oglio-Po sarà inaugurato martedì 13 dicembre. Il taglio del nastro è fissato per le 9.45. Alla cerimonia inaugurale interverrà Attilio Fontana, governatore di Regione Lombardia (candidato alla riconferma in vista delle prossime elezioni).

L’intervento di riqualificazione del reparto è stato finanziato da una raccolta fondi di portata eccezionale: semplici cittadini, associazioni e mondo dell’imprenditoria hanno donato allo scopo oltre 400mila euro.

A lanciare il progetto – denominato “Il cielo in una stanza” – e a sensibilizzare la popolazione è stato il Rotary Club “Casalmaggiore Oglio-Po”, in collaborazione con l’associazione “Amici dell’ospedale Oglio-Po” e con l’Azienda socio-sanitaria di Cremona. Fondamentale è stato il supporto offerto da Cassa rurale e artigiana di Rivarolo Mantovano, Prometeo onlus, Rotary Foundation, Fondazione Comunitaria, Fondazione Cariplo e Gal “Terre del Po”.

Il nuovo reparto è basato su un concetto innovativo di benessere a 360 gradi che dovrà coinvolgere non solo i pazienti, ma anche familiari e operatori. Gli spazi rinnovati saranno caratterizzati da una maggiore ampiezza e luminosità, da elementi d’arredo comodi e colorati, da ambulatori e uffici più accoglienti. Non mancheranno i giochi d’acqua rilassanti e la possibilità di accedere a un ampio giardino verde.

«Il nuovo day-hospital – sottolineano i promotori – svilupperà un concetto di cura ancora più efficiente, con al centro la persona. Sarà uno spazio di relazione tra individuo, ambiente e paesaggio, allo scopo di alleviare le sofferenze di pazienti impegnati in percorsi terapeutici lunghi e complessi». Al piano superiore, Asst allestirà alcuni posti letto in Hospice, da riservare ai malati terminali. 

I commenti dei lettori