In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni

DanzareMantova: torna il festival del liceo coreutico Isabella d’Este

1 minuto di lettura

Per il secondo anno consecutivo torna il festival DanzareMantova, organizzato dal Liceo coreutico Isabella d’Este e patrocinato dal Comune. I primi due appuntamenti sono martedì 13 dicembre al teatro Ariston con “Alice”, balletto ispirato ai romanzi di Lewis Carroll “Le avventure di Alice nel paese delle meraviglie” e “Attraverso lo specchio e quel che Alice vi trovò”: alle 10 per le scolaresche delle secondarie di primo grado della città e della provincia, e alle 18 per la cittadinanza.

Le rappresentazioni sono gratuite ma è necessario prenotare tramite l’apposito form sul sito della scuola www.arcoeste.edu.it. A esibirsi saranno 60 studenti-ballerini dell’Isabella d’Este, diretti e coordinati dai docenti delle discipline coreutiche che hanno anche curato le coreografie: Marta Cicu, Federica Imperore, Valentina Lorusso, Maria Grazia Marrazzo, Gabriella Rasulo e Gianluca Possidente. “Alice” è un’immersione fiabesca nei labirinti del sogno e della pazzia, che però ripropone, sotto forma di performance artistica, una riflessione sugli abissi della dipendenza e della violenza e sulle strategie possibili per vincere il disagio.

Una scelta che sposa anche gli obiettivi del progetto “Unplugged” promosso da Ats Valpadana e Regione Lombardia, al quale il Liceo Isabella d’Este aderisce dal 2019 e che coinvolge gli alunni delle classi prime e numerosi docenti appositamente formati. La danza è anche linguaggio e arte della contemporaneità, un modo di interrogarsi, di guardare al presente e alle sue sfide.

DanzareMantova entrerà nel vivo dopo le feste. Da febbraio a giugno sono in calendario diversi incontri, seminari e conferenze dedicati agli studenti del Liceo coreutico e che coinvolgeranno personalità di spicco del mondo della danza: danzatori professionisti, coreografi, docenti universitari del Dams e dell’Accademia Nazionale di Danza di Roma e direttori artistici di compagnie nazionali. —

I commenti dei lettori