In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni

A Porto Mantovano abbandono rifiuti e vandalismi dopo le feste

Fioccano anche sui social le segnalazioni di gesti d’inciviltà: dai petardi nei parchi alla sporcizia lasciata a bordo strada

Camilla Sorregotti
1 minuto di lettura

Continuano le segnalazioni, da parte dei cittadini di Porto Mantovano, di rifiuti abbandonati lungo le strade. In particolar modo ora, dopo i festeggiamenti di Capodanno. Il sindaco Massimo Salvarani aveva firmato un’ordinanza, valida fino a due giorni fa, con cui vietava l’utilizzo di petardi, botti e artifici pirotecnici, ma sembra che molti cittadini non abbiano rispettato le direttive. Questo, oltre a creare disagio agli animali domestici che sono terrorizzati dal rumore provocato dalle esplosioni, ha causato anche alcuni danni.

Vicino ai giardini del quartiere Mantovanella, ad esempio, è stato divelto un contenitore di pile esauste, quasi certamente perché qualcuno ha inserito al suo interno un petardo. I pezzi si sono riversati sul marciapiede e sono stati spostati da un passante, per evitare che causassero danni a pedoni e biciclette. Per limitare il problema della sporcizia abbandonata sul territorio è stato creato due anni fa, a Porto Mantovano, il Nucleo di polizia ambientale, a cui i cittadini possono rivolgersi per segnalare proprio la presenza di rifiuti lungo le strade o i fossi.

Da marzo 2021 sono state fatte 88 segnalazioni e sono state date 8 sanzioni nel 2021 e 11 nel 2022. Questi dati li aveva resi noti il sindaco durante l’ultimo consiglio comunale, rispondendo a un’interrogazione presentata dal consigliere della Lega Marco Bastiani, il quale richiedeva delucidazioni in merito all’attività del Nucleo, che a suo parere era poco chiara e non sufficiente. Durante la notte di Capodanno non sono scoppiati solo petardi, ma sono volate anche molte “lanterne cinesi”, degli oggetti con una struttura in ferro ricoperta di carta che possono salire in cielo grazie all’accensione con il fuoco.

Secondo una segnalazione di Giampaolo Voi, della lista civica “Voi per Porto”, molte di queste lanterne sono state ritrovate, la mattina successiva, in ogni dove: lungo le strade, sulle siepi e sugli alberi. «Questi oggetti - spiega Voi – sono un pericolo per l’ambiente, perché possono innescare incendi, e per gli animali, che possono ingerirne dei pezzi per sbaglio. Inoltre, non sono certamente biodegradabili».

I commenti dei lettori