Fast beauty

Come truccarsi velocemente, al mattino ma non solo

Ovvero, come accelerare la routine make up e truccarsi al mattino in soli 10 minuti (ma anche 5) non rinunciando ad alcun passaggio: base, occhi, labbra, guance e sopracciglia. Si può? Certamente! Parola di make up artist

3 minuti di lettura
Tempo fa l’attrice Eva Mendes ha rivelato al quotidiano The Telegraph di non avere troppo tempo da dedicare alla bellezza, di utilizzare cinque prodotti ma applicati con una sequenza ben precisa, una sorta di catena di montaggio: «Un’operazione militare: allineo tutto e procedo in modo da poter uscire di casa in cinque minuti».

Riuscire a truccarsi anche quando non si ha tempo, ecco dunque la chiave per non rinunciare a quel pizzico di femminilità in più che il trucco riesce a dare. Si può e sono tanti i video tutorial che insegnano a farlo. Tra questi, i più noti sono quelli di Clio Make Up, che insegna a realizzare un perfetto make up in 10 minuti cronometrati e la make up artist inglese Caroline Barnes, il cui approccio al trucco è all’insegna della velocità, tanto da avere creato un canale You Tube di tutorial dedicati all’argomento, #SpeedBeauty, rivolto a tutte coloro che al mattino, soprattutto, non hanno troppo tempo a disposizione per truccarsi.

UNA BUONA PARTENZA


La raccomandazione principale è quella di partire con il piede giusto, anzi con la pelle del viso pronta all’applicazione del make up. In tal caso possono essere utili gli insegnamenti delle orientali, almeno di quelle che non hanno tempo da dedicare ai classici 12 passaggi per una pelle luminosa e sana. Maestre nello slow ma anche nel fast, le orientali insegnano che si possono ottenere risultati anche in 5 soli minuti e riducendo a 3 i classici 12 passaggi del “layering”, la tecnica di cura quotidiana della pelle, chiave dello splendore dei visi asiatici. Shiseido, infatti, prescrive una routine “minimalista” dedicata alle donne più dinamiche, un rituale in tre fasi che consente comunque di raggiungere il “Mienai oshare”, la bellezza celata in soli tre gesti, da ripetere mattina e sera: innanzitutto purificare viso e collo con un detergente schiumogeno e acqua per eliminare impurità e sebo in eccesso mantenendo la cute idratata, applicare poi una lozione equilibrante e rinforzante e infine stendere siero e crema idratante, la fase finale durante la quale, se possibile, spendere qualche secondo per massaggiare premendo sui punti cosiddetti Tsubo: orecchie, tempie e lati del naso. Tre passi verso il culto giapponese del bihaku, la bellezza di un viso perfetto, senza età. Ottime alleate anche le maschere, in particolare le cosiddette “express” che in soli cinque minuti risolvono problemi di ogni genere: basta applicarle sul viso anche mentre si è alle prese con altro, la doccia, la colazione, mentre ci si veste…

COME REALIZZARE UNA BUONA BASE

Clio raccomanda di realizzare una base leggera, utilizzando un fondotinta dalla coprenza media leggero idratante se la pelle è secca e privo di oli se grassa. “Dal momento che il countdown scorre inesorabilmente, vi consiglio un fondotinta leggero che quindi non necessita di essere lavorato bene e non si corre il rischio di creare delle chiazze di colore non omogenee qua e là!”, spiega Clio. Raccomandando anche di applicare il correttore successivamente sulle imperfezioni. La Barnes consiglia invece di applicare un highlighter sotto gli occhi prima di applicare il correttore poiché le particelle fotoriflettenti aiutano a ravvivare la zona oculare. “Termina con un punto luce proprio nel mezzo delle ciglia inferiori per togliere ogni parvenza di occhiaia”, consiglia ancora la Barnes.

COME TRUCCARE GLI OCCHI RAPIDAMENTE


Certo, dimenticate uno smokey eyes elaborato, ma non rinunciate a truccare gli occhi, se vi piace. In tal caso occorre partire dai prodotti e in particolare quelli in crema, più gestibili con le dita e senza dover utilizzare pennelli, oltre che più facili da sfumare. Che siano ombretti o le nuove matite chubby, basta disegnare una linea spessa su ogni palpebra da sfumare con le dita fino a ottenere l’effetto desiderato, più o meno intenso. Per illuminare lo sguardo, inoltre, si può anche solo tracciare una riga di matita bianca all’interno della rima inferiore dell’occhio. Per dare ulteriore definizione, abbondare con il mascara, come consiglia Clio: “Se decidete di puntare sullo sguardo concentratevi di più sul trucco occhi e prima del mascara utilizzare un piegaciglia per incurvarle per bene, in questo modo rimarranno più a lungo in posa!”.

DEFINIRE BENE LE SOPRACCIGLIA

Si dice siano la cornice del volto, capaci, se ben delineate, di produrre un effetto lifting ringiovanendo anche il volto. Dunque, mai uscire di casa senza aver prima dedicato qualche secondo alle sopracciglia. Se hanno bisogno di rinfoltimento, allora occorre utilizzare una matita specifica, solitamente dotata di pettinino per sistemarle, da scegliere di una tonalità più chiara della propria. Esistono anche dei gel, ma necessitano di più tempo per la stesura.

PER LE LABBRA: ROSSETTO O GLOSS?

In tal caso entrano in gioco le preferenze personali, però un consiglio ovvio è quello di utilizzare un gloss o un rossetto sheer o addirittura un balm se si ha davvero poco tempo, perché i rossetti mat o semi-mat necessitano di una perfetta stesura, dato che ogni minimo errore o sbavatura risultano evidenti e non si avrebbe tempo per correggere. “Il mio consiglio, se avete poco tempo, è quello di evitare i prodotti che richiedono tanta precisione e minuziosità. Nel caso, ad esempio, di una tinta indelebile dovrete essere super precise dal momento che, fissandosi in fretta, non avreste il tempo di correggere eventuali errori. Scegliendo invece un prodotto come un balsamo per le labbra oppure un rossetto sheer si riduce il rischio di sbagliare e di ritrovarvi con le labbra di Joker!”, consiglia Clio.

IL TOCCO FINALE: IL BLUSH

Mai rinunciare al blush perché, come le sopracciglia, può dare una sferzata di energia anche al viso più stanco. Anche in questo caso ricorrere a un prodotto in crema da sfumare con le dita può facilitare il compito. La Barnes suggerisce di applicarlo sulla guancia prendendo come riferimento la pupilla e tracciando una forma arrotondata a mezzo arco. Meglio evitare di applicarlo dalla tempia agli zigomi per evitare errori dell’ultimo secondo difficili da correggere e che danno al volto un aspetto spigoloso.

ULTERIORE STEP (SE SI HA ANCORA QUALCHE SECONDO)

Creare dei punti luce intorno all’occhio e sul dorso del naso per un effetto glow, utilizzando un olio per il viso o una punta di crema idratante.