Body Positive

Via la parola "normale" da shampoo e creme: la svolta inclusiva della cosmetica

Unilever ha deciso di togliere la dicitura "normale" dai suoi shampoo e prodotti per la cura della persona. Secondo l'azienda, che promuove un'idea di bellezza più inclusiva, ogni tipo di pelle e di capelli ha le sue caratteristiche, ma nessuna di queste è "anormale"
2 minuti di lettura

Per Unilever l'evoluzione verso una visione di bellezza più inclusiva passa anche dalle parole. L'azienda, proprietaria di 400 marchi, ha deciso di togliere la dicitura "normale" da shampoo e prodotti skincare dei suoi brand di cura personale, tra cui Dove, Lifebuoy, Axe e Sunsilk. D'ora in poi per l'azienda i capelli e la pelle delle sue consumatrici potranno essere ricci, lisci, spessi, crespi o ancora grasse, secche, miste, ma non normali. "La decisione è uno dei tanti passi che stiamo compiendo per sfidare i ristretti ideali di bellezza, mentre lavoriamo per aiutare a porre fine alla discriminazione e per sostenere una visione più inclusiva di bellezza", recita una dichiarazione di Unilever.

Solo qualche anno fa un'altra parola molto usata nella cosmetica aveva aperto la strada a una riflessione sulla necessità di ripensare il linguaggio per cambiare il nostro approccio alla bellezza: "anti-age". Inventata da un dirigente pubblicitario negli anni 80 per vendere prodotti a donne più anziane, questa parola sottintende infatti la necessità di combattere l'invecchiamento - condizione umana inevitabile - per rispondere a un dato canone di bellezza. A tre anni dall'avvio di questa battaglia, partita dal magazine Allure e abbracciata da tante altre testate, sono molte le case cosmetiche che hanno superato il concetto di "anti-invecchiamento" iniziando a parlare di "longevità", "pro-aging" e "slow aging". Una comunicazione che riflette meglio la realtà sempre più grande delle perennials, donne dallo stile di vita e dalla bellezza ageless, che non definiscono sé stesse in base all'età.

Oggi la rivoluzione del vocabolario cosmetico continua con la decisione di Unilever: "Con un miliardo di persone che usano i nostri prodotti di bellezza e per l'igiene personale ogni giorno, e ancora di più vedono la nostra pubblicità, i nostri marchi hanno il potere di fare davvero la differenza nella vita delle persone. Ecco perché ci impegniamo ad affrontare regole e stereotipi dannosi e a elaborare una definizione di bellezza più ampia e più inclusiva", ha dichiarato Sunny Jain, presidente del settore Beauty & Personal Care dell'azienda. La decisione di Unilever nasce da una ricerca commissionata dall’azienda su 10 mila persone in cui è emerso che per 7 persone su 10 (e, tra gli under 35, 8 su 10) la parola "normale" sulle confezioni ha un impatto negativo e le fa sentire escluse. 

L'iniziativa si inserisce nel programma Positive Beauty di Unilever, una serie di progetti dedicati all’igiene del corpo e alla salute mentale, che comprendono iniziative a favore dell'inclusività e della parità di genere, ma anche la protezione e la rigenerazione di 1.5 milioni di ettari di terreno, foreste e oceani entro il 2030 e l’attuazione di un divieto globale di testare i cosmetici sugli animali entro il 2023. Al centro della realizzazione di questi impegni, oltre a Dove, Lifebuoy, Vaseline e Sunsilk, si uniranno molti altri marchi di bellezza e cura della persona di Unilever con l'obiettivo di agire sulle sfide sociali e ambientali sostenendo l'evoluzione di norme, politiche e leggi.