Capelli

Ricci, caschetti o frange, le tendenze di primavera nate dalle serie tv

Le protagoniste delle serie tv viste durante il lockdown hanno influito sul modo in cui porteremo i capelli nei prossimi mesi tra teste ricce come quelle di Greta Ferro ('Made in Italy') e Julie Garner ('Ozark'), caschetto corto come Anya Taylor-Joy ('La regina degli scacchi') e taglio shag come quello di Ursula Corbero ('La casa di carta')
2 minuti di lettura

La pandemia ha influito anche sulle tendenze capelli della primavera/estate 2021 che, dopo il lungo periodo di lockdown chiusi in casa, non stupisce se si ispirano proprio alle teste di alcune protagoniste femminili delle serie tv che abbiamo amato di più in questi mesi. "C'è una gran voglia di stare bene, di prendersi cura di sé e di comunicare il proprio benessere prima di tutto attraverso i capelli e, stando chiusi in casa, i nostri modelli di riferimento sono diventati i personaggi che seguiamo in tv", ci racconta Sergio Carlucci, co-founder di Toni & Guy Italia. Per tagli, styling e colori, quindi, le tendenze imperanti sono la cura del capello e le serie tv come ispirazione. Di seguito, la sua guida alle tendenze hairstyle dei prossimi mesi.

 

IL RICCIO E L'INCLUSIVITÀ
Da questa primavera per tutto il prossimo anno secondo Sergio Carlucci vedremo un grande ritorno del riccio. "Il modello di riferimento è il riccio a esplosione simile a quello degli anni 80, molto voluminoso per teste maxi. La tendenza è figlia del nuovo movimento di inclusione e body positivity che il mondo dei capelli ha tradotto rendendo di moda texture caratteristiche di diverse etnie". Come il riccio afro appunto, ma body positive è anche invitare le ricce naturali ad accogliere la natura dei propri capelli, spesso nascosta da styler e trattamenti liscianti. Le ispirazioni dal mondo delle serie tv per il riccio non mancano: dal caschetto voluminoso di Greta Ferro aka Irene Mastrangelo di Made in Italy ai lunghi ricci rossi di Nicole Kidman/Grace Fraser di The Undoing, fino ai ricciolini di Julia Garner aka Ruth di Ozark.

 

DAL MULLET ALLO SHAG PRO-RICCIO
"La moda dello styling riccio ha portato a una grande diffusione del taglio shag, anche in versione lunga, e di tutti quei tagli scalati che servono a far esplodere i volumi", continua Sergio Carlucci. "Gli shag ricci non sono altro che mullet, il taglio corto davanti e lungo dietro, cresciuti e quindi più sfumati. L'esempio perfetto dell'evoluzione del mullet in shag è la testa dell'attrice di La Casa di Carta Ursula Corbero, che ha pian piano trasformato il suo mullet anni 70 in uno shag scalato, mosso e morbido".

 

LO SHOB LINEARE
Se il 2020 è stato l'anno del caschetto lungo, ovvero il lob (dalla crasi di long e bob), il 2021 è l'anno dello shob, ovvero dello short bob, il caschetto corto che arriva circa alla mascella. "I caschetti corti sono il taglio del momento, da portare con o senza frangia, pari o solo leggermente sfilati", spiega l'hairstylist. "In questo taglio vediamo un ritorno alla linearità, con sagome più nette e definite, anche questa dovuta al lockdown: oggi si va in salone molto meno e quando si va si vogliono dei risultati visibili, quindi silhouette nette". A influire sul suo successo anche il taglio della protagonista della serie tv La Regina degli Scacchi, l'attrice Anya-Taylor Joy, che nel suo hairstyle combina il caschetto corto insieme ad altre due tendenze del momento: il rosso ramato e la frangia.

 

LA FRANGIA ANNI 70
L'accessorio capelli di stagione è la cosiddetta frangia a tendina, come la portava Jane Birkin: "Si tratta di una frangia tipicamente anni 70, leggermente più corta al centro e più lunga verso le tempie, che ha la caratteristica di essere "ovalizzante", ovvero serve a contrastare gli spigoli di un volto e addolcire i lineamenti".

 

IL LUNGO E SANO
"Per i tagli lunghi il riferimento è Jennifer Lopez che ha una capigliatura che appare sempre molto sana", dice Sergio Carlucci. "Se qualche anno fa avere capelli che sembravano trascurati in stile grunge era di tendenza, oggi i "bad hair" sono scomparsi perché si esigono capelli ben curati, sia nel trattamento che nello styling e nell'asciugatura, che diventa meno naturale anche perché gli strumenti sono sempre più evoluti. La necessità post pandemia è quella di comunicare il proprio benessere, a sé stesse per prime, a partire proprio dai capelli".

 

IL FACE-FRAMING CON IL COLORE
"Per le colorazioni, dopo anni e anni di giochi di luce e contrasti, la primavera/estate 2021 vede il ritorno dei colori pieni e monocromatici, sulle tonalità della terra", predice Sergio Carlucci. Colori pieni tranne che per la tendenza del momento, il face-framing: "Si colorano solo le due ciocche ai lati del viso, con un netto colore a contrasto o con dei riflessi più chiari, per esaltare alcune caratteristiche del volto, come gli occhi o l'incarnato". Top model di riferimento: Bella Hadid.