Mai senza gelsomini: per il suo N.5, Chanel acquista nuovi terreni a Grasse

(reuters)
Sono l'ingrediente principale del profumo che nel 2021 ha compiuto 100 anni. Ma per garantire la fragranza nota in tutto il mondo i fiori devono provenire dallo stesso luogo, nel sud della Francia, e avere le caratteristiche perfette. Per questo la maison francese ha deciso di non rischiare e ha investito nella sua produzione
1 minuti di lettura

L'elemento più prezioso per un profumo? I fiori naturalmente. Che, quando si parla di un profumo iconico come Chanel N°5, sono selezionatissimi. Fiori che devono obbligatoriamente avere, di anno in anno, le stesse caratteristiche per ottenere, come fa Chanel da 100 anni, il medesimo risultato finale.

Grasse, nel sud della Francia, è una cittadina conosciuta fin dal XVII secolo per le produzioni di fiori e fragranze. Ed è proprio qui che la Maison francese si procura gli ingredienti naturali per il suo profumo più famoso.

(reuters)

Per garantirsi le necessarie forniture di gelsomino e di altre varietà di fiori che vengono racolti a mano in un delicato rito annuale, Chanel ha deciso di ampliare il suo campo d'azione acquistando altri dieci ettari di terreno che si aggiungono ai 20 ettari che già utilizza in collaborazione con una famiglia locale, la famiglia Mul con la quale dagli anni 80 ha stretto un accordo di collaborazione.

"Tempo fa abbiamo corso un bel rischio perché la produzione di gelsomino stava iniziando a trasferirsi in altri paesi", racconta Olivier Polge, che ha seguito le orme di suo padre per diventare il capo profumiere di Chanel nel 2013. Il gelsomino coltivato a Grasse, infatti, ha un profumo specifico, fondamentale per la riuscita della frangranza centenaria della maison francese. La stessa resa celebre da Marilyn Monroe quando durante un'intervista, alla domanda "Cosa indossi per dormire?" rispose: "Solo due gocce di Chanel N.5".

(reuters)

Minaccia scampata: anche quest'anno, in una soleggiata mattina di fine agosto, prima che il caldo raggiungesse l'apice, il delicato rito della raccolta del gelsomino si è ripetuto come sempre.