La nail art riparte dagli uomini: il boom della men-icure

Non è una semplice istanza di ‘stravaganza’: quella dello smalto maschile è una tendenza che si sta allargando a macchia d’olio (soprattutto tra la Gen Z), come nuova espressione di sé e di cura del proprio corpo
4 minuti di lettura

Negli ultimi due anni, lavorare da casa e non avere impegni sociali ha indotto molte persone a ridurre le proprie esigenze estetiche, provocando una battuta d’arresto in tutto ciò che riguarda il mondo del make-up e della cosmesi. Gradualmente le cose stanno tornando alla normalità, ma si tratta pur sempre di una normalità mutata, in cui tutto è cambiato e nulla è più come prima. Di certo, sono cambiate le unghie degli uomini: se c’è un aspetto del mondo cosmetico che può senza indugio tracciare un confine tra ‘prima’ e ‘dopo’ è proprio questo, quello della manicure maschile, che non a caso ha trovato il suo neologismo, men-icure o man-icure.  

Un forte movimento di liberazione del costume, guidato da icone contemporanee come Harry Styles, Lil Nas X, Damiano David (che oggi vanta una fama internazionale), sta abbattendo una serie di tabù sulla mascolinità e aprendo la strada a tutti coloro che vogliono giocare con l'estetica, che si tratti di indossare gonne, mettere l’eyeliner o tingersi le unghie con lo smalto.

Brooklyn Beckham 

L’idea non è certo nata oggi, lo sappiamo: icone della musica e della moda di trenta, quaranta anni fa già lo facevano, ma quello che sta cambiando nella nostra epoca è che queste scelte stilistiche si stanno normalizzando. L’unghia dipinta sulla mano maschile non è più il tocco ‘eccentrico’ di un rocker o di un artista sui generis, o magari di qualche seguace di una particolare moda giovanile, ma un dettaglio che può abbellire le mani di tutti, specialmente dei ragazzi della Generazione Z, i più inclini a demolire le definizioni troppo rigide di cosa sia ‘da uomo’ e cosa ‘da donna’.

Il boom della nail art al maschile

Cartina tornasole di ogni tendenza globale, i social confermano il trend in ascesa della manicure creativa genderless. I video con tecniche originali di applicazione dello smalto vantano migliaia (spesso milioni) di click: l’hashtag ‘nail art’ ha su Tik Tok quasi 17 miliardi di visualizzazioni, mentre ‘nail artist’ ne ha 2,3 miliardi. Su Instagram ‘nail art’ ha oltre 98 milioni di post, mentre l'hashtag ‘nail’ si trova in 178 milioni post. Insomma, l’interesse per smalti e unghie è altissimo.

Non sorprende dunque che secondo Business of Fashion gli smalti siano il segmento attualmente trainante del mondo del make-up. Anche in Italia la passione per questo prodotto cosmetico è in aumento: Layla Cosmetics, che ha realizzato con Fedez la linea di smalti semi-permanenti NooN, non fornisce esatti dati di vendita, ma sottolinea di aver “distribuito su 1200 punti di vendita fisici (risultato grandioso) e sulle maggiori piattaforme online”.

Negli ultimi due anni sono nati diversi brand di cosmesi diretti ad un target maschile o gender neutral, come Faculty, impresa ‘indie’ su cui ha scommesso Estée Lauder, Crate, nata dal rapper Lil Yatchy, o l’australiana Flowerbed Nails. Il musicista Machine Gun Kelly ha appena annunciato il lancio del suo nuovo brand di smalti, UN/DN. Anche i marchi del lusso stanno cercando di intercettare questo settore, come ha fatto Chanel con gli smalti Boy de Chanel, o la sopra citata Estée Lauder. Non è facile distinguere il volume delle vendite specifico di smalti per l’uomo, trattandosi esattamente dello stesso prodotto rispetto a quelli da donna (la differenza sta principalmente nel marketing), ma basta chiedere a chi di professione si occupa di manicure e nail art per capire che anche nel nostro paese l’inflessione c’è, ed è notevole.

La tendenza è confermata ad esempio da Treatwell, piattaforma di riferimento per il mondo del benessere e della bellezza: “Dal nostro database risulta che effettivamente la man-icure è un trattamento in crescita: da gennaio a ottobre di quest'anno abbiamo infatti rilevato un +23% sulle prenotazioni online”. Un dato curioso è che il picco di richieste per i trattamenti di manicure maschile si è avuto a maggio, in corrispondenza della primavera libera dalle restrizioni.


Per Cosmetica Italia è ancora presto per tirare le somme del 2021, come sottolinea Gian Andrea Positano, Responsabile del Centro Studi e Ricerche, eppure “Non possiamo trascurare il fatto che sia in corso un’evoluzione, guidata dai personaggi del mondo dello spettacolo, che sta sdoganando e dando grande visibilità alla pratica dell’utilizzo dello smalto anche da parte degli uomini”.

Man-icure, un nuovo modo per prendersi cura di sé

Quella degli smalti “È una categoria in cui la narrativa beauty si può spingere oltre i propri confini”, riflette Clare Varga, responsabile del reparto beauty dell’agenzia WGSN. “Per molti della Generazione Z è la ‘droga di passaggio’ alla sperimentazione estetica e all’espressione di sé”.

In effetti, le unghie-artiglio di Billie Eilish, Emma Chamberlain, Megan Thee Stallion, Cardi B, hanno acceso luminosissimi riflettori sulle mani e sulla nail art artistica, addirittura scultorea, e anche grazie a loro è scaturita la frenesia di cui Tik Tok e Instagram sono testimoni.


Ma oggi è soprattutto il momento dei ragazzi amanti della nail art creativa, che come le ragazze desiderano esprimere loro stessi e riconquistarsi una fetta di libertà, divertimento, emancipazione, dopo un lungo periodo di restrizioni. “In tempi in cui le espressioni del viso vengono camuffate dalla mascherina, le unghie possono rappresentare un eloquente specchio della personalità”, riflette Giulia Fierotti, titolare di Giulia Nails Bar (che fa parte del circuito Treatwell e Uala).

Secondo la professionista, la tendenza a scegliere nuance forti e disegni creativi è evidente, specialmente per quanto riguarda gli uomini. Chi opta per lo smalto monocolore spesso lo declina nelle tinte fluo e glitter, “Una delle soluzioni più pratiche nonché fai-da-te per i molti uomini alle prime armi”.

Tra le nuance più in voga, il verde, il giallo e il fucsia, che si accompagnano alle tinte glitterate nelle tonalità del rosa o azzurro pastello. Davvero molto amata dal mondo maschile (e da celebrities come A$AP Rocky, Paul Klein, Lil Yatchy) è la tendenza mismatched, ovvero unghie tutte diverse tra loro oppure decorate con disegni di fiamme, cuori, lettering e motivi geometrici. O, ancora, decorate con sticker, con french innovative, con ritratti di animali e persino opere d’arte.

La manicure oggi dunque espressione di personalità, ma è soprattutto un modo tornare a divertirsi con l’estetica dopo un lungo periodo di ‘abbandono’ del mondo cosmetico. “A livello di trend generale” conferma Gian Andrea Positano, “c’è un grande ritorno della manicure fatta in salone. Ma oggi per le unghie si tende a preferire lo smalto tradizionale rispetto al semipermanente, perché c’è un desiderio di cambiare frequentemente colori e texture e giocare con le nuance”.

Tuttavia, secondo i saloni Barberino’s, dietro il boom della men-icure non c’è solo un’esigenza stilistica, ma anche la ‘scoperta’ da parte del mondo maschile di un nuovo modo di prendersi cura di sé, dedicare del tempo al proprio benessere e al proprio relax. “Analizzando i dati dei nostri saloni, possiamo dire che le manicure sono triplicate tra marzo e aprile, con un trend in crescita nei mesi seguenti, a dimostrazione che dalla primavera 2021 si è assistito ad una vera e propria tendenza, complici anche le apparizioni di molte celebs con smalti e nail art. Sicuramente il mondo della men-icure è in espansione, e sta potenziando il concetto di ‘me time’ anche al maschile”, dichiara un portavoce dei barber shop.

“La manicure per l'uomo sta diventando sempre più popolare per vari motivi. Innanzitutto è un’ottima opportunità per pulire e idratare le mani e le unghie, particolarmente stressate in questo periodo (frequenti lavaggi, cambio di stagione) ma è anche un’occasione per concedersi un momento di relax. Prendersi cura delle proprie mani contribuisce a mantenere unghie e sane e forti, aiuta a diminuire lo stress e alleviare l’ansia, e riduce i segni dell’invecchiamento”. Se poi ci si mettiamo lo smalto, il tutto diventa ancora più divertente.