Life

Dating sunday: la prima domenica dell'anno è la migliore per incontrare un nuovo amore online

Photo by John Schnobrich on Unsplash 
Il giorno migliore per fare l'incontro giusto: e infatti la prima domenica dell'anno nuovo è diventata una ricorrenza e può essere una bella opportunità per iniziare un flirt e trasformarlo poi in una storia
5 minuti di lettura

Sei single e hai voglia di incontrare la tua metà online? Il momento migliore per fare l’incontro giusto è il “Dating Sunday”, che solitamente cade la prima domenica dell’anno, quindi il 2 gennaio per il 2022. È diventata ormai una ricorrenza famosa in tutto il mondo, perché è la giornata più attiva per le app d’incontri, dove gli utenti si scatenano più che ogni altro giorno dell'anno. Questo a sua volta significa che aumentano molto le possibilità di trovare il match perfetto. Insomma una vera e propria “tempesta perfetta di nuovi incontri online” che per chi ha il cuore libero, può essere una bella opportunità per iniziare un flirt e trasformarlo poi in una storia. A dimostrare che c’è una reale impennata di contatti ci sono anche delle ricerche, come le statistiche dell’app Inner Circle, che mettono a confronto il Dating Sunday 2021 in Italia, rispetto a una tipica domenica invernale. I risultati attestato un aumento del 97% del numero di match; un incremento del 181% del numero di messaggi inviati; 146% numeri di telefono scambiati in più e una crescita del 8% di nuovi iscritti sulle app.

E se si partisse dai buoni propositi?

Anche per Tinder il 2 gennaio sarà “il giorno con più Swipe in assoluto” e per facilitare la ricerca del partner in crime ha attivato nella sezione Explore la possibilità di selezionare gli “Obiettivi per il 2022”, che permette di vedere chi condivide i nostri stessi buoni propositi. Si spazia dallo sport, per trovare chi ci motiva a fare sempre meglio, alle “buone forchette”, per conoscersi a tavola, fino alla “carriera”, per incontrare non solo l’amore ma anche soci affiatati nel nuovo anno. I consigli di Tinder per prepararsi al Dating Sunday? Il primo è condividere 3 passioni o interessi, aggiungendo 5 foto o video, scrivendo una bio di almeno 11 parole. Poi essere online già in prima serata, perché tra le 19 e le 22 è il momento con più traffico. E infine, farsi una bella video chiamata, un momento per conoscere bene il tuo match, prima di buttarsi in un incontro dal vivo.

 

Quest’anno c’è una “seconda possibilità”

Secondo Inner Circle, per la prima volta il “Dating Sunday” sarà la seconda domenica dell’anno, cioè il 9 gennaio, dato che la prima cade troppo vicina alle vacanze. I single, quindi, staranno ancora cercando di riprendersi dal Capodanno. “Non c'è dubbio che la variante Omicron impatterà il Dating Sunday 2022”, commenta David Vermeulen, CEO e fondatore di Inner Circle. “Ci aspettiamo che i single staranno tranquilli con le loro famiglie anche all'inizio del nuovo anno, ma vedremo un picco di nuovi iscritti e attività la seconda domenica di gennaio al posto della prima. Il Dating Sunday è il giorno con il maggior traffico, ma notiamo anche che l'attività è generalmente più intensa durante le prime due settimane di gennaio, rendendo l'intero mese un ottimo periodo per iniziare a fare dating”.

Gli uomini più popolari su un’app d’incontri condividono quello che vorrebbero che tu sapessi sul dating online 

Abbiamo intervistato due top members profiles dell’app Inner Circle, che ci hanno svelato il perché gli uomini fanno incontri online e quale sono le loro difficoltà sulle dating app, come ad esempio, mandare il primo messaggio o le ansie di incontrare qualcuno per la prima volta. Uno spaccato del mondo maschile che esplora anche la loro vulnerabilità ed emotività.

 

Giuseppe, 46 anni

Cosa ti ha spinto a iscriverti all'app? “Ritrovandomi single all'età di 46 anni, non è stato facile conoscere altre persone attraverso i soliti network di amici e conoscenti. Utilizzare invece un sistema come questo, ti permette di entrare in contatto con persone per me interessantissime, i cui percorsi di vita forse difficilmente si sarebbero incrociati con i miei. Essendo un sognatore in qualche modo, mi piace stimolare questa serendipità”.

Qual è il segreto per riuscire a distinguersi dagli altri? Credo che alla fin fine, puntare sulla trasparenza sia il modo migliore di farlo. Se ci si focalizza a scrivere veramente chi siamo e cosa vogliamo, certo non potremo piacere a tutti, ma più fermamente creeremo interesse in qualcuno. Secondo me, se si vuole apparire perfetti per piacere a tutti, si tende a non volersi descrivere apertamente o comunque troppo nel dettaglio (insomma, non ci si vuole esporre veramente, prendendo dei rischi), e questo il visitatore del profilo lo percepisce e non fa scattare la "preferenza"”.

Che tipo di donna vorresti incontrare? “Mi piacerebbe trovare una partner che sappia dosare lunghe chiacchierate, risate e momenti di dolcezza. In questi tre momenti ci trovo lo stimolo della curiosità e della scoperta, la leggerezza dell'essere (caratteristica di una persona risoluta) e la semplicità e purezza di un animo ancora romantico. Spero di non chiedere troppo”.

Hai incontrato difficoltà sulle app nel fare il primo passo? “Il primo passo, che tra l'altro InnerCircle permette di fare molto facilmente, spesso è difficile in due casi. O quando il profilo in questione è troppo generico e vago (quindi sono pochi i dettagli della persona che possono farmi capire qualcosa in più di chi si sta per contattare), oppure quando invece la persona nella propria bio tende a focalizzarsi su quello che non vuole, rispetto a quello che desidera trovare in un'altra persona. Magari è semplicemente il mio carattere, ma in entrambi questi casi, sono poco motivato a conoscere la persona, perché non mi appare realmente interessata ad utilizzare l'app, ma anche perchè mi sembra poco "aperta" a voler conoscere nuove persone”.  

E per organizzare l'incontro hai trovato inconvenienti? “Devo dire che spesso, con piacere, sono entrato in contatto con donne che non volevano perdere troppo tempo in chat infinite ed hanno suggerito un incontro dal vivo, dopo qualche giorno. Alle volte i problemi per organizzare il primo incontro sono banalmente logistici: questa strana epoca dominata dall'emergenza pandemica, spesso non permetteva di incontrarci in posti una volta soliti per un primo incontro, come bar, ristoranti, etc. Così si è diventati più creativi, cosa che tra l'altro non è neanche male. E per il primo appuntamento ci siamo ritrovi al bordo di uno splendido lago a bere un cocktail, o tra piazzette e vicoli di una città di cui uno dei due è esperta e fa da "guida turistica" all'altro”.

Antonio, 40 anni

Perché ti sei iscritto a un’app di dating? “Non ho problemi a conoscere gente nuova, ma si sa che su una app di incontri online magari il destino ti riserva una possibilità con una persona che in altro modo non avresti forse mai incontrato. Ad esempio, mi piace uscire con persone lontane dal mio mondo lavorativo, per confrontarmi su altro e rendere sempre il dialogo interessante e mai scontato. È bello imparare qualcosa di nuovo o poter soddisfare delle curiosità.

Com'è stata fino ad ora la tua esperienza? “Finora abbastanza positiva, ovviamente tra alti e bassi. Capita che una persona ti piaccia particolarmente e allora la frequenti per un po’ di mesi, sperando che sia quella giusta per un qualcosa in più. È capitato che qualche incontro sia partito subito benissimo e poi sia evaporato dopo poco. Ci sono incontri inevitabilmente “veloci”, mi riferisco anche a chi transita di passaggio nella tua città e allora quasi sempre non si può andare oltre un weekend o una serata insieme…

Io vivo a Milano che è una città che consuma tutto velocemente, è la città dei single, tutti credono di poter avere mille chance e allora si sperimenta in continuazione. Perché fermarmi all’incontro di stasera se domani posso avere di meglio? Invece delle volte bisognerebbe fermarsi e capire che una persona va conosciuta meglio, dare una possibilità e non fermarsi a quella sensazione iniziale o “bocciarla” alla prima parola sbagliata…”

Qual è la partner che vorresti trovare? “Che donna cerco? È una domanda che non si fa mai e mai andrebbe fatta durante la chat. Comunque sincerità prima di tutto, attitudine all'ascolto, sorrisi, voglia di dedicare tempo alla conoscenza. Tutto noi speriamo di trovare una persona sorprendente di fronte, che ci faccia smettere di cercare.”

Durante i primi approcci hai avuto delle difficoltà? “A fare il primo passo generalmente non ho difficoltà. Fai un saluto e speri che ci sia una risposta, poi il modo di dialogare in modo non del tutto scontato si trova... “

E nell’organizzare il primo appuntamento dal vivo? “L'incontro se uno vuole lo fa, certo delle volte ci sono mille impedimenti e ci si risente per caso anche dopo un anno e più ed è la volta buona. Ma se vedo che non c'è tutto questo interesse, si rimanda, una scusa o problema dopo l'altro, lascio stare. Spesso il ferro va battuto quando è caldo...”