Tendenze social

Il sacco della spazzatura da 1.800 euro di Balenciaga: l'ultima provocazione fashion

Il sacco della spazzatura da 1.800 euro di Balenciaga: l'ultima provocazione fashion
Si chiama proprio Trash pouch, ovvero 'busta della spazzatura', la borsa disegnata da Demna per Balenciaga e che ha fatto il suo debutto nella sfilata della collezione Autunno/Inverno 2022 a Parigi nel marzo scorso. Si pensava fosse una "follia" da sfilata e invece arriva ora nei negozi
1 minuti di lettura

Balenciaga non è certo nuova alle provocazioni. Ricordiamo tutti l'eco che nel 2017 ha avuto la versione luxury della sacca azzurra che viene consegnata per fare shopping nei negozi Ikea, e che la griffe reinterpretò mettendola in vendita a 2000 euro circa. Il buzz fu immediato con un successo incredibile per la borsa ma suscitando anche molte critiche e facendo capire a tutti quanto il designer Demna fosse abile nel dare una sua lettura della società contemporanea e dei suoi oggetti di uso comune. Lo aveva rifatto proponendo una limited edition di sneakers "distrutte" al costo di 1450 euro. E ora la maison francese ha lanciato la 'Trash pouch': ovvero il classico sacco nero della spazzatura ma ovviamente preziosissimo e dal costo di circa 1.800 euro.

Il georgiano Demna, direttore creativo di Balenciaga, anticipa le polemiche e scrive in un suo post: "Non potevo perdere l'occasione di realizzare il sacco della spazzatura più costoso del mondo. Perché diciamolo, chi non ama uno scandalo nel mondo della moda?". Le immagini del sacco dell'immondizia in passerella avevano già fatto il giro del mondo condivise su varie piattaforme di social media e diventando virali. Ma ora le borse arrivano in negozio e siamo tutti curiosi di vedere se invaderanno le nostre strade. La versione di Balenciaga prevede che oltre al nero ci siano anche declinazioni colorate. Realizzata in pelle di vitello lucida, la 'Trash pouch'  Balenciaga è disponibile in nero, bianco e rosso, blu e nero, giallo e nero. Non bisogna dimenticare però l’impegno del designer (che già s'era schierato a favore del popolo ucraino durante la sfilata a/i 2022 lo scorso marzo a Parigi) per le cause umanitarie: è di qualche giorno fa la notizia della felpa messa in vendita su United24 per aiutare la ricostruzione in Ucraina.

Foto della borsa da ig denagram
Foto della borsa da ig denagram 

Foto della borsa da ig denagram
Foto della borsa da ig denagram 

Foto della borsa da ig denagram
Foto della borsa da ig denagram