In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni
Star

La versione di Jennifer Lopez: "Prendere il cognome di mio marito? Un atto di empowerment"

La versione di Jennifer Lopez: "Prendere il cognome di mio marito? Un atto di empowerment"
La star ha raccontato la sua relazione e la sua ritrovata sicurezza in una lunga intervista dopo i rumors sulla presunta crisi con Ben Affleck
2 minuti di lettura

Dopo le clamorose voci di dissapori nel matrimonio con Ben Affleck, JLo torna a parlare, e lo fa in un servizio di copertina con la rivista Vogue, in cui si racconta a 360 gradi.

La storia d'amore dei Bennifer, risorta dopo 20 anni dal primo fidanzamento, è culminata nel luglio scorso con il matrimonio a Las Vegas tra la popstar 53enne e l'attore premio Oscar e il mese successivo si è tenuta un'altra sfarzosa festa lunga tre giorni per celebrare le nozze nella tenuta da 8,9 milioni di dollari in Georgia di Ben.

JLo ha spiegato che il suo matrimonio è anche un affare moderno, rivelando di essere "orgogliosa" di assumere il cognome del marito e di trovare questa mossa "stimolante", e, contrariamente a quanto si possa pensare, che l'atto "non ha nulla di romantico".
Ecco la versione di JLo sul cognome maritale: "La gente continuerà a chiamarmi Jennifer Lopez. Ma il mio nome legale sarà Signora Affleck perché siamo uniti. Siamo marito e moglie. Sono orgogliosa di questo. Non credo sia un problema... Non è per tradizione. Non c'è romanticismo. E' una mossa di empowerment. Ho il controllo della mia vita e del mio destino e mi sento forte come donna e come persona. "

Nonostante la coppia abbia affrontato i suoi alti e bassi con una pausa di ben 20 anni, Jennifer insiste che non ha rimpianti sulla sua storia d'amore così particolare.

Riflettendo sui primi tempi della loro relazione, ha detto: "Eravamo così giovani e così innamorati all'epoca, davvero molto spensierati, senza figli, senza legami. Stavamo vivendo la nostra vita, eravamo felici. Non pensavamo di doverci nascondere da nessuno o essere discreti".

"Vivevamo ad alta voce e questo si è rivelato un problema. C'erano molte cose sotto la superficie, persone che non volevano che stessimo insieme, persone che pensavano che non fossi la persona giusta per lui. Sono diventata molto guardinga perché ho capito che ti danneggiano. Vorrei davvero poter dire di più. Ero così. Sono ancora così. Ma ho anche imparato".

Jennifer ha confessato di aver avuto inizialmente dei dubbi quando si è trattato di riavviare la loro relazione: "Ovviamente non volevamo uscire in pubblico. Ma non ho mai nascosto che per me c'è sempre stato un vero amore. Le persone della mia vita sanno che lui era una persona molto, molto speciale nella mia vita. Quando ci siamo riavvicinati, quei sentimenti per me erano ancora molto reali... Non so se lo consiglio a tutti. A volte ci si dimentica l'uno dell'altro, o semplicemente si cresce in modo diverso.

Noi due ci siamo persi e ritrovati. Non per sminuire tutto quello che è successo nel frattempo, perché anche quelle cose erano reali. Tutto quello che abbiamo sempre voluto è stato arrivare a un luogo di pace nelle nostre vite, dove abbiamo provato davvero quel tipo di amore che si prova quando si è molto giovani e ci si chiede se si può provare di nuovo".

Una delle sfide che la coppia ha affrontato, e che veniva addotta dai bene informati come uno dei motivi di difficoltà nel loro matrimonio, è stata proprio quella di integrare armoniosamente la loro famiglia allargata. Ma anche su questo argomento JLo ha speso parole rassicuranti: "E' un processo che deve essere gestito con molta attenzione. Hanno così tanti sentimenti. Sono adolescenti. Ma finora sta andando molto bene".