reali

Il principe Filippo ha mai tradito la regina? Storie e nomi delle sue presunte amanti

Sua Maestà Elisabetta II e il marito principe Filippo a Romsey Abbey con Lady (Penny) Braybourne, 2007 
In cambio della futile distrazione di un’avventura, Filippo avrebbe dovuto nascondersi per il resto della vita, additato come un pusillanime e vacuo farfallone. Lo ha fatto? Scopriamolo ripercorrendo la sua vita
4 minuti di lettura

Nei commenti sulla vita del principe Filippo - prima e dopo la sua scomparsa, il 9 aprile 2021 - si è molto parlato delle voci, amplificate da “The Crown”, secondo le quali non sarebbe sempre stato fedele alla regina Elisabetta. Non sono vere per due motivi: il primo è che il giorno del matrimonio aveva preso il solenne impegno a “non deludere mai” sua moglie. Era un uomo d’onore, e l’ha mantenuto. Il secondo è che, se fosse stato scoperto, i tabloid britannici lo avrebbero massacrato, denunciando il venir meno alla parola data e il tradimento della fiducia della donna più rispettata della nazione, alla quale lui doveva tutto quello che aveva: titoli, posizione, privilegi. In cambio della futile distrazione di un’avventura, Filippo avrebbe dovuto nascondersi per il resto della vita, additato come un pusillanime e vacuo farfallone. Ma ecco dunque, una per una, le “donne di Filippo” delle quali si è tanto parlato.

Le voci sull’irresistibile attrazione che le femmine avrebbero esercitato sul duca di Edimburgo erano cominciate già nel 1945, prima del matrimonio con Elisabetta. Filippo era un bel giovane di 24 anni, alto, biondo, simpatico. Era ufficiale a bordo delle navi di sua maestà impegnate nel Pacifico ed era sceso a terra in Australia con l’amico Mike Parker, il quale divenne poi suo segretario. Fu Parker a raccontare che Filippo era sempre circondato da “bracciate di ragazze”, un’espressione che fece pensare a tutti che fosse lui a cercarle. “Mi sono pentito di avere usato quelle parole – ha detto poi Parker -. Sono stati scritti molti articoli per dire che lui si dava parecchio da fare, ma non è vero. Era anzi molto riservato. Eravamo giovani, c’erano molte ragazze, abbiamo bevuto qualche drink, forse anche ballato, ma era tutto qui”. Anni dopo garantirà: “Il Principe è stato fedele a sua moglie al cento per cento. Nessun dubbio, nessun se, nessun ma”.  

Altre voci circolarono nel 1956, quando Filippo si imbarcò sullo yacht reale Britannia per un lungo viaggio di quattro mesi in Atlantico e nel Pacifico. Inaugurò le Olimpiadi di Melbourne e visitò molti paesi sperduti del Commonwealth. Il viaggio era un regalo di Elisabetta, che voleva gratificarlo con una lunga permanenza in mare dopo l’addio che il marito era stato costretto a dare alla carriera navale. Ma ovviamente si parlò subito di ragazze portate a bordo e di feste lascive organizzate nelle isole del Pacifico, insinuazioni raccolte e amplificate dalla serie tv di Netflix. A bordo del Britannia c’erano Mike Parker, 220 marinai e 20 ufficiali, e nessuno di loro ha però mai confermato che fossero vere.  

Un anno dopo, un giornale americano, il Baltimore Sun, pubblicò sotto il titolo “Queen, Duke in Rift Over Party Girl” un articolo nel quale affermava che Elisabetta e Filippo avevano litigato perché lui aveva una storia con un’attrice del West End. La “party girl” avrebbe potuto essere Pat Kirkwood, una star delle commedie musicali. L’attrice era fidanzata con Stirling Henry Nahum, un fotografo noto con il nome d’arte di Baron, molto amico di Filippo, che gli aveva affidato le immagini del suo matrimonio. Una sera, Baron l’aveva portato nel camerino di Pat e poi erano andati insieme a ballare e a bere un drink. Dopo quel giorno, lui e l’attrice si incontrarono solo un’altra volta in una occasione ufficiale, ma le voci continuarono per anni. “Vorrei che non fosse mai venuto nel mio camerino – ha detto poi Kirkwood – ne ho pagato le conseguenze per tutta la vita”. Dopo la sua morte, il quarto marito dichiarò di avere alcune lettere che provavano senza ombra di dubbio che tra lei e Filippo non c’era mai stato nulla. Della vicenda parlò anche, in una lettera a un amico americano, la sorella di Elisabetta, Margaret: “Ho visto quella storia su un vostro giornale, che i giornali qui hanno ripreso da malvagi codardi quali sono. Per fortuna, da noi va tutto bene”.  

La donna di cui si è parlato di più è Hélène Cordet, nata Foufounis. Conosceva Filippo da quando aveva tre anni, giocavano insieme nella villa di Le Touquet dei suoi genitori. Diventata conduttrice di uno show della BBC, Hélène aveva poi fondato The Saddle Room, la prima vera discoteca di Londra. Le voci di una tresca con Filippo cominciarono quando lei gli chiese di essere il padrino di due figli che aveva avuto dopo la separazione dal marito e del cui padre tenne sempre segreta l’identità, persino nella sua autobiografia. Uno dei due figli, Max, docente di economia, anni dopo ha dichiarato ufficialmente che Filippo non era suo padre.  

La biografa reale Ingrid Seward, nel libro “My Husband and I”, fa il lungo elenco di altre presunte amanti di Filippo il cui nome è finito a più riprese sui giornali: la contessa di Westmorland, moglie di un attendente della Regina; Daphe du Maurier, sposata con il Comptroller of the Royal Household; le attrici Merle Oberon e Anna Massey; la star della tv Katie Boyle; la duchessa di Abercorn, moglie del Lord Steward di Elisabetta; una cugina del Duca, la principessa Alexandra; persino la madre di Sarah Ferguson, la consuocera Susan Barrantes. E infine, ovviamente, “Penny” Brabourne, la sua grande amica e compagna nelle corse sulle carrozze trainate da cavalli, una delle poche persone invitate al funerale del Principe.  

Sarah Bradford è l’unica biografa della Royal Family disposta a giurare che Filippo ha avuto storie con altre donne, in particolare con Sacha Hamilton, la duchessa di Abercorn, di 26 anni più giovane di lui. Ma neppure lei è stata in grado di provarlo: a Buckingham Palace si dice che se mai la Regina avesse intentato una causa di divorzio, l’avrebbe persa perché neppure lei avrebbe potuto provare l’infedeltà del marito. In ogni caso, niente accade intorno a Elisabetta senza che lei non lo sappia, e pensare che Filippo abbia potuto impunemente corteggiare le mogli dei suoi collaboratori più stretti, o la madre della sposa di suo figlio, è semplicemente ridicolo.  

Anche Lady Diana contribuì alle voci che circolano, amplificandole dopo che Filippo le rimproverò di avere troppi amanti e di non sapersi adeguare al contegno che la sua posizione di madre di un futuro re le imponeva. Furibonda e in preda a una delle sue paranoie, Diana fece cercare prove che Filippo manteneva figli avuti da altre donne, ma neppure lei le trovò.  

Gli amici di Filippo raccontavano che, in fatto di donne, il Principe era come quelli che guardano le vetrine, ma non comprano mai. Adorava il ballo e per tutta la vita invitò a ballare molte belle donne più giovani di lui. Elisabetta lo lasciava fare. La Regina diceva che i mariti non vanno mai chiusi in un recinto, se si vuole salvare il proprio matrimonio. Lo pensavano anche le nostre sagge nonne, molto tempo fa. Ma oggi è giustamente proibito.