Artrosi alle mani, ci sono le protesi

Grazie alla nuova tecnica di accesso laterale si risparmiano i tendini. Così, il paziente è in grado di muovere la mano subito dopo l'intervento
1 minuti di lettura

TUTTI sanno che si possono sostituire le articolazioni dell’anca, del ginocchio o della spalla con delle protesi, ma forse pochi sanno che si può fare la stessa cosa con le piccole articolazioni della mano. Inizialmente
inventate per intervenire in caso di artrite reumatoide, oggi le protesi si utilizzano soprattutto per l’artrosi e per gravi traumi. «In realtà – afferma Vincent Joseph Mazzone, direttore dell’Unità Chirurgia della mano al
Policlinico Gemelli-Ircss – la novità in questo campo non riguarda tanto le protesi, ma le nuove tecnichechirurgiche.

Questo articolo è riservato a chi ha un abbonamento

Tutti i contenuti del sito

1€ al mese per 3 mesi poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Noi Gazzetta di Mantova la comunità dei lettori