La droga dello stupro approvata per curare una sindrome che causa eccessiva sonnolenza

Il farmaco destinato a chi soffre di ipersonnia idiopatica, caratterizzata da colpi di sonno durante il giorno
2 minuti di lettura

QUANDO il chimico russo Aleksandr Zaycev lo sintetizzò per la prima volta nel 1874, non avrebbe mai immaginato che un secolo più tardi l’acido gamma-idrossibutirrico (GHB) sarebbe diventato 'la droga dello stupro' per eccellenza. Sostanza stupefacente – nel 2000 inserita dagli Usa nella tabella 1 della Legge sulle Sostanze Controllate – ma anche medicinale, in Italia è utilizzato per curare la dipendenza da alcool.

Questo articolo è riservato a chi ha un abbonamento

Tutti i contenuti del sito

1€ al mese per 3 mesi poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Noi Gazzetta di Mantova la comunità dei lettori