Covid, i vaccini mRna non modificano il nostro genoma

(reuters)
La nuova rubrica per rispondere ai dubbi dei lettori. Un modo per esaminare informazioni che a volte si rivelano bufale
1 minuti di lettura

UNA rubrica di Salute per rispondere ai dubbi dei lettori sul Covid. Un modo per esaminare notizie e informazioni  che a volte si rivelano bufale. Ecco la prima domanda arrivata alla redazione. Se avete qualche domanda da fare alla redazione scrivete a: salute@gedi.it

La domanda

Ho letto che il vaccino a mRna è pericoloso perché modifica il codice genetico e per questo può avere controindicazioni.
Lettera firmata

La risposta

I vaccini a mRna non contengono istruzioni per modificare il nostro Dna. Inoltre, l'Rna messaggero non entra mai nel nucleo, la parte della cellula che contiene il genoma umano, e quindi non ha modo di alterarlo. Il termine messaggero definisce il suo ruolo: trasportare informazioni per la produzione di proteine. Nel caso specifico del vaccino anti-Covid, ci riferiamo alla proteina Spike, la "chiave" del virus, con cui il microrganismo si attacca ai recettori delle cellule.  

Questo processo si chiama traduzione, perché cambia il "linguaggio": le basi azotate dell'Rna esprimono un codice a cui corrisponde una precisa sequenza di amminoacidi, le unità strutturali primarie delle proteine. Il tutto si svolge a livello dei ribosomi, complessi macromolecolari che si trovano nel citoplasma (la sostanza compresa tra la membrana nucleare e quella esterna) e sul reticolo endoplasmatico ruvido, un sistema tridimensionale di membrane in cui le proteine appena sintetizzate subiscono varie trasformazioni.

Grazie alla vaccinazione, il nostro organismo simula l'incontro con il virus e produce cellule e anticorpi specifici che lo rendono immune prima di un eventuale contatto con l'agente patogeno. 

Una volta terminato il suo compito, l'Rna messaggero si degrada in pochi giorni.

Per questo è falso affermare che il vaccino a mRNA può modificare il nostro genoma.

Fonti: Ecdc, Iss