Anoressia, la strage silenziosa delle ragazze fra liste d'attesa e cure impossibili

In una settimana sei decessi collegati ai disturbi alimentari. Patologie spesso molto gravi che il Sistema sanitario nazionale non è sempre pronto a contrastare
2 minuti di lettura
*Psichiatra e psicoterapeuta, direttore Rete disturbi comportamento alimentare Usl 1 dell 'Umbria e presidente Siridap (Società italiana riabilitazione disturbi del comportamento alimentare e del peso)
 
Un bollettino di guerra, sei giovani donne sono morte in una settimana per gli esiti di patologie del comportamento alimentare. Parliamo di anoressia e bulimia. Provengono da tutto il territorio nazionale, un'epidemia che riguarda in Italia milioni di persone e che è purtroppo la seconda causa di morte per gli adolescenti, dopo gli incidenti stradali.

Questo articolo è riservato a chi ha un abbonamento

Tutti i contenuti del sito

1€ al mese per 3 mesi poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Noi Gazzetta di Mantova la comunità dei lettori