Tatuaggi a colori, l'esperta: "Molti pigmenti sono cancerogeni o possono provocare allergie"

La Ue ha messo al bando quelli con sostanze nocive a partire dal 4 gennaio. I rischi spiegati da Norma Cameli, responsabile della Dermatologia correttiva dell'istituto San Gallicano di Roma
 
3 minuti di lettura

Cancerogeni, allergizzanti e irritanti: anche i tatuaggi possano avere degli effetti collaterali anche gravi. E più sono grandi, maggiore è il rischio per la salute. E' per questo che l'Unione Europea ha messo al bando 27 pigmenti utilizzati dai tatuatori di tutto il mondo per colorare i disegni sulla nostra pelle: la nuova direttiva prevede che, a partire dal 4 gennaio, verranno vietate la vendita e l'utilizzo di una lunga serie di sostanze chimiche nocive per la salute umana o per l'ambiente, incluse quelle contenenti alcol isopropilico, che causano ogni anno oltre mille casi di allergie croniche, oltre a gravi reazioni cutanee.